Preventivo ristrutturazione casa

Se stai pensando di rinnovare casa ricevere più di un preventivo ristrutturazione casa è fondamentale per riuscire a risparmiare. Ecco alcuni utili consigli

preventivo ristrutturazione casa
Preventivo ristrutturazione casa
User Rating: 5 (5 votes)

preventivo ristrutturazione casa 

Quando si decide di ristrutturare casa bisogna prendere in considerazione diversi parametri. Per riuscire a risparmiare e non spendere una fortuna è fondamentale il preventivo ristrutturazione casa. Confrontando più offerte si potrà scegliere la più conveniente.

 

Un buon piano organizzativo ci permetterà di rendere la ristrutturazione edilizia molto più semplice, perché ci consentirà di valutare se l’entità della ristrutturazione è parziale o totale.
La manodopera relativa alla sostituzione di un pavimento o alla tinteggiatura delle pareti non prevede il rilascio del permesso comunale, ne dell’assistenza di un ingegnere, di un architetto o di un geometra.
Se invece i lavori che si andranno a realizzare saranno più impegnativi, come ad esempio la demolizione e la ricostruzione di una parete, allora si dovrà contattare un tecnico con il quale fare un rilievo degli spazi da ristrutturare.

In seguito, si definirà il progetto e successivamente la relativa pratica da presentare al proprio comune di residenza. Infine bisognerà selezionare un’impresa edile adeguata all’entità dei lavori da fare in casa, e richiedere il preventivo in modo da valutare i costi e le garanzie.

Esempio preventivo ristrutturazione casa

preventivo ristrutturazione casa

preventivo ristrutturazione casa

preventivo ristrutturazione casa

preventivo ristrutturazione casa

 

Preventivi edili, come calcolare il costo per ristrutturare casa

Il costo totale è il risultato di diverse fasi della ristrutturazione.

– Realizzazione delle opere
– Spese tecniche
– Spese burocratiche
– Iva sulla realizzazione delle opere
– Iva sulle spese tecniche
– Contributi previdenziali per i tecnici

preventivo ristrutturazione casaIl tecnico al quale ci si affiderà sarà in grado di dare un’idea di massima del costo di realizzazione delle opere. Ma il reale costo, quello effettivo che si andrà a spendere al termine della ristrutturazione, saprà darlo soltanto l’impresa edile che avrà preso in carico i lavori.
In ogni spesa importante è naturale la richiesta di un preventivo. Nel settore della ristrutturazione è essenziale valutare più preventivi ristrutturazione casa, di almeno tre imprese edili, in modo da familiarizzare con i prezzi e poter paragonare le varie offerte.

La prima cosa da fare è quella di scegliere una ditta affidabile e referenziata, magari leggendo recensioni sarà più facile farsi un’idea. Esistono tante imprese edili ed è semplice effettuare una richiesta di preventivo online. E’ bene prendere sempre come punto di riferimento le imprese della propria zona, poiché i costi sono variabili da regione a regione, ma anche da provincia a provincia.
Un impresa seria prima di avanzare la sua offerta, vi chiederà di effettuare un sopralluogo, in modo tale da capire in anticipo l’entità e stimarne il costo preciso.

Pertanto le voci presenti all’interno del preventivo dovranno essere ben dettagliate.

 

Ristrutturare casa, le fasi

Prima di richiedere un preventivo a diverse imprese edili, bisognerà far predisporre un progetto completo dal vostro architetto e successivamente far redigere un computo metrico dettagliato.
Il progetto è fondamentale per capire che cosa effettivamente andremo a ristrutturare all’interno della nostra abitazione, ad esempio se ci saranno da spostare dei tramezzi, se gli impianti dovranno essere modificati o ampliati, se la cucina e i servizi igenici andranno a subire un cambio di posizione.
Dunque in base all’entità dei lavori da realizzare cambierà l’importo delle spese. Questa è una fase essenziale, perché se il preventivo viene richiesto senza che un architetto abbia definito il progetto ci si ritroverà con un offerta non corrispondente con il reale costo di manodopera, con la conseguenza che si andrà a spendere più del necessario.preventivo ristrutturazione casa

Come si è accennato all’inizio del paragrafo, un altro ruolo importante lo riveste il computo metrico. Solitamente dovrebbero essere redatti due computi metrici di ristrutturazione.

Il primo riporterà i prezzi medi praticati dalle imprese edili della zona, che servirà ad avere un’idea dei costi e un altro privo dei prezzi, provvisto soltanto delle indicazioni metriche da sottoporre alle imprese. Le lavorazioni e le misure sono invariabili, pertanto una volta che le ditte avranno inserito i loro prezzi, si potrà subito identificare il costo e paragonarlo con quello offerto da altre ditte.

La seconda fase è la scelta dell’impresa.

La scelta dell’impresa edile che andrà a ristrutturare il nostro stabile è ovviamente una fase delicata. Una scelta sbagliata si ripercuoterà negativamente, con continui problemi durante e dopo i lavori.

Ci sono degli aspetti importanti da valutare nella scelta dell’impresa:

– Rispetto delle proprie esigenze
– Requisiti generali minimi richiesti
– Attuare verifiche sull’impresa (previste per legge)

L’impresa deve rispettare le esigenze richieste. Quindi sarà opportuno richiedere delle referenze alla ditta in modo da valutare se i loro interventi di ristrutturazioni sono in linea con le esigenze prefissate. Un ottimo modo sarà quello di osservare foto di lavori più recenti effettuati dall’impresa. Si potranno così valutare i risultati ed inoltre verificare che vi siano ristrutturazioni recenti.

E’ bene verificare che l’impresa lavori sempre con gli stessi artigiani e impiantisti. Se l’impresa collaborerà con gli stessi operai che si occupano degli impianti, come idraulici ed elettricisti, la ristrutturazione implicherà una tempo inferiore di realizzazione della stessa, poiché sarà agevolata dall’affiatamento dei vari operatori che si susseguono in cantiere. Pertanto, tale coordinazione sarà possibile solo se tutte le figure interessate sono abituate a lavorare insieme.

La parte burocratica merita una particolare attenzione. Prima di dare il via ad un’impresa edile di cominciare i lavori nella propria abitazione, bisognerà adempire a delle verifiche preliminari previste dalla legge.
La verifica principale riguarda l’idoneità tecnico professionale dell’impresa a cui affidi i lavori. Il committente, dovrà assicurarsi che la ditta possa fare i lavori che deve appaltare, che abbia tutte le carte in regola.

 

Lavori di ristrutturazione

I lavori di ristrutturazione sono interventi edilizi atti a ripristinare gli edifici esistenti. I lavori che fanno parte della ristrutturazione sono i seguenti:

– Demolizione e ricostruzionepreventivo ristrutturazione casa
– Trasformazione di superfici accessorie
– Ampliamenti contenuti entro il 20% della volumetria esistente
– Cambio di destinazione d’uso
– Frazionamento di unità immobiliari
– Modifica dei prospetti dell’edificio

I lavori di manutenzione ordinaria sono gli interventi edilizi utili alla riparazione delle finiture e dei materiali esistenti in un edificio, come ad esempio:

– Sostituzione dei pavimenti e di impianti esistenti
– Rifacimento di un servizio sanitario o di una cucina
– Spostamento di una porta o di un tramezzo
– Sostituzione e manutenzione di parti di impianti esistenti

Infine ci sono i lavori di manutenzione straordinaria, che sono quelle opere inerenti alla sostituzione o al rinnovamento di parti strutturali dell’edificio, come ad esempio:

– Sostituzione di infissi esterni e serramenti
– Realizzazione di opere accessorie come ascensori, scale di sicurezza e canne fumarie
– Consolidamento delle strutture nelle fondazioni o in elevazione
– Rifacimento di scale e rampe

preventivo ristrutturazione casa

Agevolazioni fiscali per ristrutturare casa

Con il via libera alla Legge di Bilancio per il 2017, il bonus fiscale per le ristrutturazioni edilizie è stato prorogato sino al 31 dicembre 2017. L’agevolazione fiscale confermata per quanto riguarda il recupero del patrimonio edilizio è la detrazione del 50% delle spese sostenute per i lavori.

Grazie a questo bonus si potrà detrarre dall’IRPEF le spese sostenute per i lavori di ristrutturazione di abitazioni e di parti comuni degli edifici residenziali. Inoltre per gli interventi soggetti a detrazioni 50% è prevista l’applicazione, per l’esecuzione dei lavori, dell’aliquota IVA agevolata 10%.
La detrazione fiscale si ripartisce unicamente in 10 rate annuali di pari importo. Esistono poi agevolazioni fiscali per particolari casi, come ad esempio il risparmio energetico, che permettono di risparmiare di più, per maggiori informazioni consigliamo l’articolo detrazioni fiscali 2017 per le ristrutturazioni edilizie.

Richiedi un preventivo gratutito adesso!

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ONLINE! Scopri come!
X

Richiedi Preventivi Gratuiti