Camino a pellet o a legna?

Camino a pellet o a legna? La scelta della tipologia di camino può essere variabile a seconda di diversi fattori.

camino a pellet o a legna
Camino a pellet o a legna?
User Rating: 4.9 (1 votes)

Camino a pellet o a legna? La scelta della tipologia di camino a cui fare riferimento per il riscaldamento della casa può essere una decisione che dipende da diversi fattori. Vediamo in questo articolo di approfondimento la differenza – e le principali differenze – che sussistono tra due diverse tipologie di camino, ovvero il camino a pellet e quello a legna.

 

 

Perchè un camino a pellet?

Il riscaldamento di una casa e di tutti i suoi ambienti è certamente una necessità quotidiana di molte persone. Una necessità che può trovare la sua risposta positiva nelle più svariate tipologie di prodotti che permettono, appunto, il riscaldamento della casa come ad esempio i termosifoni, le caldaie, oppure anche il caminetto.

Da sempre, consideriamo il caminetto, appunto, quello che siamo soliti conoscere come camino a legna, con tutte le sue caratteristiche ed i suoi pro e contro. Esiste però da non molto tempo anche un’altra tipologia di camino, che è il camino che funziona con l’ausilio del pellet: di cosa si tratta e quali sono le caratteristiche, i vantaggi e gli svantaggi del camino a pellet?

 

camino a pellet

Il camino a pellet fa uso di uno speciale combustibile di uso naturale che, appunto, prende il nome di pellet: un combustibile che, rispetto alla legna, può essere considerato come un prodotto di grande importanza e di grande rilevanza per quel che riguarda il risparmio energetico ed il rispetto dell’ambiente, dal momento in cui esso è un prodotto di lavorazione naturale che proviene dagli scarti.

Il pellet non ha la stessa rilevanza di consumi economici del legno: perché non è necessario, prima di tutto, abbattere alcun albero per ottenere questo materiale. Tra l’altro, oltre ad essere molto economico, è meno ingombrante e quindi non necessita dello stesso stoccaggio di cui necessita la legna.

Tra i vantaggi del camino a pellet, quindi, ricordiamo:

  • Efficienza energetica.
  • Scarso consumo e maggiore rendimento.
  • Facilità di stoccaggio, perché è un prodotto meno ingombrante del legno e si può anche facilmente trasportare.
  • Potere calorifico maggiore rispetto al legno.

Esso non comporta nemmeno evidenti svantaggi, dal momento in cui in effetti è un prodotto innovativo ed altamente pratico, funzionale, e pertanto anche efficiente dal punto di vista dei costi e dell’energia.

Tra gli svantaggi di questo prodotto, vi è ad esempio quello di dover effettuare degli allacciamenti elettrici a cui non sempre si è ben predisposti.

 

Perchè un camino a legna?

Ad oggi, insomma, il caminetto a legna è largamente e quasi del tutto superato. Non possiamo infatti in alcun modo dire che esso sia ancora leader sul mercato per quel che riguarda il potere di riscaldamento e di efficienza energetica perché, se associato ad altre tipologie di camino che funzionano in maniera più innovativa – e facendo proprio uso di prodotti nuovi e ad alto rendimento energetico senza pesare in maniera eccessiva ed evidente sui consumi – i costi di questo prodotto non valgono sicuramente la pena.

 

caminetto a legna

Un po’ come dire che il gioco non vale la candela, nella maggior parte dei casi, anche se è pur vero che esistono ancora molte persone che amano il fascino del camino a legna e che a questo fascino non sarebbero sicuramente pronte a rinunciare.

Tra gli svantaggi della legna ricordiamo:

  • La necessità di dover effettuare installazioni di canna fumaria e quindi interventi ben precisi ed importanti.
  • Lo scarso rendimento della legna dal punto di vista del potere calorifico.
  • Il fatto di dover effettuare ordinarie pulizie della canna fumaria e di prestare la massima attenzione, ad esempio, ai ritorni di fumo.
  • La necessità di pulire ed aspirare pazientemente ed in maniera sapiente la cenere.

 

Camino a pellet o a legna: i consumi

Nella scelta del camino che più si adegua alle proprie necessità ed esigenze, non bisogna ovviamente dimenticare che alcuni fattori possono pesare più di altri e questa è una situazione molto evidente, che fa specialmente riferimento a delle proprie esigenze, che possono essere di costi o di consumi.

Per quel che riguarda i consumi, comunque, non possiamo non ammettere che il consumo effettivo è maggiore nel caso in cui si installi un camino a legna e minore, al contrario, nel caso in cui si provveda ad esempio alla installazione di un camino a pellet.

Anche perché, in effetti, il rendimento del camino a pellet è sicuramente maggiore di quello a legna, e pertanto, per forza di cose, il consumo sarà sicuramente minore in questo ultimo caso.

 

Camino a pellet o a legna: quale scegliere

Quando si sceglie il prodotto per il riscaldamento dell’ambiente, bisogna chiaramente mettere in conto i vantaggi e gli svantaggi delle varie opportunità proposte, e fare una valutazione ben precisa non solo dei costi iniziali per l’installazione del camino, ma anche di quelli che andranno affrontati di seguito, per la manutenzione della canna fumaria, per la pulizia e per tutto ciò che concerne un caminetto.

A questo proposito dobbiamo inoltre ricordare ed avere bene in mente una cosa: nella scelta del giusto caminetto, potrebbe essere utile non solo fare delle proprie valutazioni di base, ma anche chiedere informazioni, consigli e suggerimenti a persone esperte e qualificate nel settore, e pertanto in grado di rispondere alle necessità più richieste.

Rimane abbastanza chiaro che la scelta effettiva dipende da una serie di fattori interni all’immobile ma anche ai propri gusti, fattori che possono determinare il peso dell’ago della bilancia verso una parte oppure verso l’altra: in ogni caso, è sempre bene valutare attentamente la propria scelta, ricordando però che se è vero che l’intramontabile è il camino a legna, è anche vero che dal punto di vista energetico, dei costi, e del rapporto tra qualità e prezzo, il prodotto con camino a pellet potrebbe essere molto più conveniente, anche sul lungo termine. La scelta. Poi, può variare tra classico e moderno: gli appassionati della tradizione non potranno che continuare a dare importanza ad un prodotto come il tradizionale camino a legna, mentre i modernisti e le persone attente a consumi ed economia saranno sicuramente più orientati verso una soluzione più ecologica ed economica.

 

Camino a pellet o a legna: come risparmiare

Nella scelta del tipo di camino da applicare in casa, poi, si può anche cercare di risparmiare ancora qualcosa. E lo si può fare ad esempio valutando in maniera attenta e con giusto anticipo rispetto al momento effettivo dell’acquisto, quali potrebbero essere le richieste di informazioni in rete, oppure l’attenta valutazione del rapporto tra qualità e prezzo di diversi prodotti, sui quali poter fare la propria scelta ed infine prendere le proprie decisioni.

Inoltre, è da non dimenticare il fatto che ogni prodotto può avere dei pro e dei contro anche dal punto di vista della spesa, e che è bene richiedere più consulti e preventivi in diverse aziende, in maniera da rispondere in modo efficace ad una effettiva esigenza di risparmio sul prodotto finale.

Solo così, infatti, si può venire a conoscenza di sconti o di agevolazioni di una o dell’altra azienda e si può essere anche pronti a risparmiare, però, con intelligenza, e senza rinunciare alla qualità del prodotto che si acquista.

 

Richiedi un preventivo gratutito adesso!

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ONLINE! Scopri come!
X

Richiedi Preventivi Gratuiti