Come scegliere un forno a legna

Come scegliere un forno a legna
Rating Utenti: 5 (37 voti)

Il forno a legna è un vezzo irrinunciabile per il giardino, un’aggiunta preziosa per preparare la pizza (e non solo) e sfruttare l’ambiente esterno nel migliore dei modi. Che cosa sapere sui forni a legna e quali sono i criteri di scelta che incidono durante l’acquisto? Se abiti a Roma, scopri anche a chi rivolgerti grazie alle fabbriche presenti in città: le nostre dritte.

 

Alcuni suggerimenti su come fare per scegliere un forno a legno.

 

Che cos’è un forno a legna

 

Rispetto al forno elettrico, il forno a legna ha sempre avuto un’allure speciale: i professionisti della pizza ti diranno molto probabilmente che è determinante per la riuscita della stessa. Grazie alla particolare struttura e all’utilizzo della legna come combustibile, è il forno più adatto per cuocere la pizza: in ogni caso, è utile anche per altri alimenti, come il pane, la carne o il pesce.

 

Estremamente versatile in cucina, le caratteristiche di un buon forno a legna vanno sempre tenute in mente: può avere forma circolare oppure ovale in base al flusso d’aria interno e alla cottura che si desidera dare. È essenziale la pietra refrattaria per il forno a legna, dal momento in cui l’obiettivo è di raggiungere delle temperature stabili ed elevate, che offrano un buon punto di cottura.

 

 

Quando è utile un forno a legna?

 

Per essere sicuri di fare un acquisto eccellente, può essere opportuno rivolgersi direttamente ai produttori di forni a legna da esterno o da interno.

 

Tieni a mente che ti trovi di fronte a un forno destinato a durare: rispetto alla tipologia elettrica, è decisamente più resistente sul lungo termine. La sua capacità termica, poi, non va nemmeno messa in discussione: è in grado di diffondere il calore, di distribuirlo in modo omogeneo, grazie alle proprietà del combustibile.

 

L’ingrediente cardine di questo forno è la legna: mediante la brace, gli alimenti avranno tutto un altro sapore. Fortemente connesso alla cucina tradizionale contadina, avere un forno a legna ti consentirà di realizzare squisiti manicaretti per le tue feste in giardino. Eppure, grazie alla sua potenza e alla gestione del fuoco (per cui bisogna avere abilità e talento!), offre un sapore e un odore unico, difficile da dimenticare. Tornato in auge di recente, vediamo come scegliere il modello migliore.

 

 

Fattori di scelta di un forno a legna

 

L’aspetto estetico rientra molto spesso tra i fattori di scelta dei forni a legna, benché sia uno degli ultimi punti da considerare. Certo, è importante che si integri bene con lo stile del giardino, che dia un senso di continuum tra arredo e area ristoro. Ci sono però ben altri parametri che hanno una certa importanza, come la forma, le dimensioni, i materiali e tanto altro.

 

  • Forma del forno a legna: sebbene in commercio al giorno d’oggi siano presenti prodotti di varie conformazioni, il grande classico è la cupola, la forma sferica schiacciata. Ed è irrinunciabile, dal momento in cui è fondamentale che le correnti d’aria possano distribuirsi all’interno del forno, alimentando la fiamma e favorendo un movimento di aria circolare.

 

  • Dimensioni del forno a legna: stai per acquistare un forno a legna? Non dimenticare mai di sceglierne uno dalle dimensioni adatte al tuo giardino. È chiaro che i forni destinati alle pizzerie debbano rispondere a esigenze di cottura spaziose ed elevate. In un contesto casalingo, l’ideale è optare per un modello da 2 pizze.

 

  • Materiali del forno a legna: in questo caso non si può assolutamente ignorare la pietra refrattaria, che è un cardine essenziale. Grazie a quest’ultima, si potrà distribuire la cottura in modo uniforme. I materiali devono necessariamente essere di qualità. Su quest’ultimo punto non si può transigere.

 

  • Tipologie del forno a legna: potresti ritrovarti a scegliere tra un fisso o mobile, per esempio. Quali sono i vantaggi? Nel primo caso, quando lo monterai, non potrai effettivamente spostarlo. Un forno a legna mobile, invece, vanta una leggerezza davvero notevole, oltre a essere pratico.

 

  • Temperatura del forno a legna: quanto è importante questo aspetto in fase di acquisto? Considera sempre che più grande è il forno, prima dovrai accenderlo, un po’ come avviene in pizzeria.

 

 

Forno a legna, a chi rivolgersi?

 

A chi rivolgersi per realizzare un forno a legna? Come accennavamo prima, la cosa migliore, sarebbe quella di rivolgersi direttamente a delle fabbriche produttrici. In questo modo, potrai valutare diverse tipologie, forme e naturalmente dimensioni. Inoltre ti sarà possibile richiedere soluzioni personalizzate in grado di rispondere a specifiche esigenze.

 

Da questo punto di vista, per chi abita nella Capitale, possiamo consigliare questa fabbrica forni a legna a Roma: https://www.iacoangeli.com/.

 

Ti ricordiamo che i forni a legna, tanto da esterno che da interno, presentano dei costi molto variabili. All’aumentare delle dimensioni, anche i prezzi tendono a lievitare: ecco perché ti consigliamo di rivolgerti direttamente ad un produttore.

 

 

Come risparmiare sull’acquisto di un forno a legna

 

È possibile fare un po’ di economia durante l’acquisto dei forni a legna? Se il tuo obiettivo è di evitare di spendere tanto, il modo migliore è richiedere dei preventivi, non fermarti al primo forno che hai visto, solo perché magari ti ha comunicato una buona impressione.

 

È un concetto che in realtà dovremmo applicare sotto ogni aspetto della nostra vita: il risparmio va coltivato. In ogni caso, non affidarti a un produttore di forno a legna scadente. Scegli solo il meglio: investi nella qualità.

 

 

Richiedi un preventivo online! (✔ gratis e senza registrazione)

       
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)