Come trovare nuovi clienti in edilizia (in modo automatico)

Mirare i clienti e trovarli in modo automatico in edilizia

Diverse persone mi chiedono come mai io scelga di stare davanti ad uno schermo, invece di “andare a lavorare”. E’ infatti probabile che molti pensino che il compito del venditore debba essere quello di presentarsi fisicamente in ogni cantiere, proponendo il servizio che intende vendere.

 

 

Io invece grazie ad Internet, da tempo faccio questo in maniera automatica, tramite la strategia online della Lead Generation (generazione di potenziali clienti): la si fa grazie al Marketing a Risposta Diretta (fare offerte direttamente e solo a chi può comprare, quindi non a tutti, come ad esempio accade con la pubblicità televisiva).

 

lead-generation

 

Quando parlo del mio metodo, mi vengono ovviamente poste delle domande, ma voglio intanto dirti da subito che trovare nuovi clienti in modo automatico è una figata!

 

Ma ecco cosa mi chiedono gli impresari edili come te.

 

Innanzitutto vogliono sapere se tale metodo possa funzionare anche per loro.

La risposta è SI!

Esiste un sistema che, se viene creato in maniera corretta, permette ai contatti interessati di arrivare direttamente a te oppure al tuo agente di vendita: si tratta di potenziali clienti filtrati in modo automatico, quindi molto propensi ad accettare le tue proposte.

Come seconda domanda, mi viene chiesto come funziona questa strategia.

 

E’ presto detto: pubblicità su Internet (Adwords ad esempio su Google) + Landing Page (pagina che si apre quando si clicca sulla tua pubblicità, appositamente ideata per convincere l’interessato a lasciare i propri dati); questa è una landing page.

 

Ma veniamo alle altre domande.

 

Siccome esistono imprese che lavorano sia in subappalto (B2B vendita ad altre imprese) che con i privati (B2C), la Lead generation funziona in entrambi i campi? Sia nei servizi che nei prodotti?

Assolutamente si!

Nel B2B esistono aziende che vendono ad altre aziende prodotti e servizi di valore molto alto.

 

Nel B2C prova a pensare allo smaltimento eternit di un capannone di 3000 mq con rifacimento copertura metallica e posa di linea vita.

 

Il prezzo può essere di centinaia di migliaia di euro. Solitamente queste “gare” vengono affrontate inizialmente tramite un preventivo e il sistema di cui stiamo parlando è assolutamente idoneo.

 

Nel B2B invece potrebbe essere la fornitura di pannelli coibentati a qualche coperturista. Anche in questo caso, quello di riuscire ad intercettare la richiesta dell’utilizzatore finale, è il ruolo principe della Lead generation.

 

Sia che si vendano a utenti finali prodotti di costo contenuto (una “Velux”) oppure servizi estremamente costosi, il sistema non cambia….e funziona!

 

La differenza sostanziale sta nel fatto che nel B2B solitamente si prevede un’offerta ed un incontro con un commerciale per eseguire la trattativa, nel B2C si vende al cliente finale senza ulteriori passaggi (tipico e-commerce in cui si vede il prezzo e si compra).

 

Ma conviene?

 

Ovviamente, parlando di prodotti e servizi con prezzi e marginalità diverse, bisogna sempre valutare come creare il sistema: per esempio, potrebbe avere senso promuovere un singolo prodotto oppure tutto un catalogo (con costi di marketing a risposta diretta diversi).

 

Il sistema per trovare nuovi clienti in modo automatico comunque è sempre vincente, poiché si è in grado di verificare quanto si spende nel generare un contatto.

 

Intendo dire che puoi fare tutto questo:

 

  • conoscere il costo di generazione di un potenziale cliente (es.: 10€)
  • conoscere il costo per convertirlo in un cliente che acquista (es.: ogni 10 clienti potenziali hai 1 compratore)
  • calcolare il ritorno dell’investimento (es.: ogni 10 € spesi te entrano 30€)

 

Sappi che in edilizia, generare un contatto può costare dai 20 € ai 40 € (più o meno). Questo lead (contatto) ti può comprare 10.000 € o molto di più.

 

In definitiva, il segreto è quello di capire il sistema per poi farlo funzionare alla grande: è ciò che serve per trasformarlo in una macchina (semi)automatica da soldi.

 

Cosa bisogna fare quando si conosce il sistema?

 

Si deve agire!

 

Lamentare un’eventuale mancanza di clienti, significa non saper sfruttare correttamente il metodo! In realtà i clienti ci sono, ma si fanno trovare in maniera diversa rispetto a prima.

 

Ti faccio un esempio banale: a volte, quando si va a caccia, capita di scoprire che alcune specie di animali hanno cambiato abitudini nei loro spostamenti: prima si rintanavano in un determinato luogo, ma ad un certo punto hanno iniziato a farlo da tutt’altra parte…però ci sono!

 

Non scordare che un buon imprenditore deve sempre sapere cosa fare! Per “il come fare”, contattami: quello è il mio (nostro) lavoro. Spero di averti dato informazioni utili e se hai qualche commento fallo qui sotto!

 

 


 

Vuoi elaborare una strategia per trovare nuovi clienti in modo automatico? Registra la tua attività su Edilnet senza esitare (è gratuito e senza nessun pagamento imposto), sarà un piacere vedere la tua azienda fare meglio della concorrenza.

 

LT foto

 

Luca Tacchetti (Cto T&T Global service™)

✉ E-mail: marketing@edilnet.it

 

grazie-icona

Grazie!

– Condividi quest’articolo con i tuoi colleghi se ti è piaciuto-

2 Commenti

  1. Sono un artigiano nel campo edile. Sono un muratore, effettuo lavori in cartongesso e lavori di tinteggiatura.

Lascia un commento e raccontaci la tua opinione o la tua esperienza

Usa questo form per lasciare un contributo personale su questo articolo. Se invece vuoi richiedere i preventivi gratuiti, usa il form sovrastante.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*