Allarme per la casa: cosa sapere per vivere in sicurezza

Un allarme per la casa ai giorni nostri è diventato davvero indispensabile per vivere sereni......ma quale scegliere? Vi aiutiamo noi a capirci qualcosa!

Allarme per la casa: cosa sapere per vivere in sicurezza
Rating Utenti: 4.5 (111 voti)

Installare un allarme per la casa, è indubbiamente una valida e saggia decisione, soprattutto al giorno d’oggi. La cronaca purtroppo ci racconta di continui furti in appartamento in ogni parte d’Italia, ecco come difendersi.

 

 

Foto Allarme per la casa

 

Un impianto di allarme per la casa è un dispositivo capace di controllare abitazioni o attività ed ha il compito di spingere l’eventuale malvivente ad allontanarsi rapidamente.

 

Inoltre, negli ultimi tempi un buon impianto di allarme per la casa si sta trasformando sempre di più in una necessità per molti indispensabile, in particolar modo per chi abita in aree particolarmente esposte a intrusioni di malviventi: tradizionali precauzioni come montaggio di porte blindate o inferriate alle finestre a volte non riescono ad essere sufficienti per fermare le sgradite ‘visite’ dei ladri!

 

Tastierino di un Allarme per la casa

 

Avete deciso di migliorare la vostra sicurezza installando in casa un buon allarme? Bene: si tratta sicuramente di un’importate e utilissima decisione. Intanto occorre precisare che le tipologie di allarme sono varie e tecnologicamente differenti tra loro: deve essere l’utente a decidere quale genere di sistema acquistare, tenendo conto sia dell’aspetto pratico e sia della cifra che deve essere investita per l’acquisto.

 

E’ però necessario informarsi adeguatamente e con attenzione sulle caratteristiche dei migliori modelli di antifurto casa presenti sul mercato: questo per riuscire a comprendere quale possa essere quello maggiormente adatto alle proprie esigenze. Inoltre vi consigliamo di approfondire anche il tema dei costi leggendo la nostra apposita guida online che tratta l’argomento “antifurto casa prezzi“ per avere una panoramica a 360° prima della scelta finale.

 

Ecco dunque una guida sulle più note tipologie di allarme per la casa:

 

Allarme per esterni esterni

 

Uno schema di un Allarme per la casa

 

Iniziamo a scoprire come provvedere a proteggere la casa da fuori: come accade anche per gli ambienti interni, per l’esterno esistono varie tipologie di impianti.

 

E’ ad esempio bene ricordare i wireless a ”tripla tecnologia”: in questo caso il sistema è progettato per comunicare, attraverso un ricevitore multicanale, con una qualunque centrale in cui sia presente un impianto filare.

 

E’ però indispensabile che si possa facilmente controllare il livello di carica delle batterie e che si possano verificare eventuali tentativi di danni o sabotaggi nei confronti del sensore; inoltre deve essere presente un sistema di immunità verso gli animali: l’allarme non deve infatti scattare in loro presenza.

 

Allarme per porte e finestre

 

Un genere di antifurto molto sfruttato è quello che si applica a porte e finestre, dispositivo che viene inserito nel lato interno della chiusura di finestre, porte e porte-finestre, ma è ovviamente necessario che non sia facilmente visibile e individuabile: la sua utilità ed efficienza dipende molto da questo!

 

Tasiera di comando di Allarme per la casa

 

Funziona grazie a 2 magneti situati uno di fronte all’altro con polarità opposte: quando qualcuno apre una porta oppure una finestra, va ad interrompere il campo magnetico ed in tal caso scatta l’allarme.

 

Allarme per interni

 

Raggi infrarossi: sono gli allarmi più diffusi e meno costosi per gli interni: essi non richiedono la presenza di una persona per monitorare schermi e software. Vengono attivati (o disattivati) tramite un piccolo pannello collocato presso l’entrata di un alloggio e nelle zone sorvegliate essi rilevano i vari movimenti anomali ne danno quindi tempestivamente avviso con un forte segnale acustico.

 

Villa con Allarme installato

 

Videosorveglianza: è il sistema che garantisce una maggiore sicurezza ed è anche il più costoso. Controlla zone molto ampie ed è studiato per poter vigilare su più zone contemporaneamente.

 

La sua particolare efficienza è dovuta al supporto di determinati pannelli di controllo, i quali, tramite appositi software, vengono collegati a diverse telecamere: qui è sempre necessaria la supervisione di un uomo. Avete deciso di installare un allarme per la casa?

 

In questo caso abbiate l’accortezza di affidarvi a ditte specializzate nella realizzazione di impianti antifurto abilitate a rilasciare, al termine dell’opera, la certificazione Imq dell’impianto; chiedendo senza impegno più preventivi, potrete confrontarli e risparmiare optando per la proposta più vantaggiosa.

 

 

Richiedi un preventivo online! (✔ gratis e senza registrazione)

       

1 Commento

  1. Ottimo articolo, tengo a precisare che oggi la diffusa paura della microcriminalità ha sollevato la necessità di sorvegliare le proprie case, e di proteggere cose e persone.
    Sono disponibili sul mercato sistemi di allarme a basso costo, tecnologicamente avanzati, semplici da usare e adeguatamente affidabili.
    Tuttavia è necessario saper scegliere l’impianto giusto per le proprie esigenze: è importante valutare i rischi, le proprie abitudini, la tipologia e l’ubicazione della propria casa (la concentrazione e la vicinanza di altre case può essere importante), i momenti in cui questa rimane incustodita, le vie d’accesso e di fuga, o la presenza di beni di valore appetibili da malintenzionati. Più alto è il rischio di intrusione, maggiori devono essere le precauzioni da prendere nella scelta del sistema di sicurezza.
    Lo scopo di un sistema di sicurezza è prevalentemente quello di scoraggiare o di ritardare le intrusioni: esso costituisce un deterrente che statisticamente riduce del 60% le probabilità di subire un furto. Tuttavia l’aspetto deterrente non è sufficiente a garantire la tranquillità per la propria casa: è necessario anche un impianto efficace e sicuro contro i pericoli esterni.
    I sistemi di sicurezza moderni sono in grado di rilevare intrusioni senza procurare fastidiosi falsi allarmi e sono spesso collegati a centri di pronto intervento delle forze dell’ordine o di compagnie private di vigilanza.
    L’efficacia della protezione si basa infatti sul tempo di rilevazione necessario all’impianto elettronico per dare l’allarme, sulla resistenza degli elementi strutturali della casa, sull’immediato intervento da parte delle forze dell’ordine o degli istituti di vigilanza privati per interrompere l’effrazione.
    Esistono due tipi di impianti di protezione: quello perimetrale e quello volumetrico. La combinazione dei due sistemi può ridurre il rischio di furti dell’80%.
    Il nostro consiglio è quello di affidarsi sempre, e solo, ad aziende specializzate così da riuscire a proteggere VERAMENTE la propria casa.

Lascia un commento e raccontaci la tua opinione o la tua esperienza

Usa questo form per lasciare un contributo personale su questo articolo. Se invece vuoi richiedere i preventivi gratuiti, usa il form sovrastante.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)