Come scegliere un carrello elevatore: guida all’acquisto

Come scegliere un carrello elevatore: guida all’acquisto
Come scegliere un carrello elevatore: guida all’acquisto
Rating Utenti: 5 (13 voti)

I carrelli elevatori sono indicati sia per la movimentazione che per lo stoccaggio di oggetti pesanti. Questi vengono ritenuti macchine molto preziose in alcuni settori professionali. Di seguito, quindi, forniremo una utile guida all’acquisto.

 

Cos’è il carrello elevatore?

 

Muletto carrello elevatore

 

Il carrello elevatore, chiamato anche muletto, è un mezzo che è costituito da ruote ed è azionato da motori elettrici. Viene utilizzato per sollevare oppure per spostare della merce.

 

Numerose sono le tipologie di carrello elevatore, vediamo insieme quali sono i principali: carrello elevatore elettrico, commissionatore, laterale, trilaterale, fuoristrada, cingolato, etc.

 

Carrello elevatore: quale scegliere?

 

Per scegliere il carrello elevatore giusto bisogna comprendere quali sono le proprie esigenze. Per prima cosa occorre stabilire la soglia del budget e far dipendere la scelta della macchina operativa in base ad essa.

 

Il costo dei carrelli elevatori è infatti tutt’altro che irrisorio e per questo l’acquisto è da valutare con cautela. Un modo utile per essere sicuri di non sbagliare è tenere d’occhio le proprietà tecniche del carrello, considerando ad esempio la capienza e gli accessori che possono tornarci utili.

 

Prima di scegliere il carrello elevatore più adatto alle proprie esigenze bisogna anche comprendere se deve essere utilizzato all’esterno oppure all’interno. Solitamente i carrelli elevatori in diesel vengono utilizzati per l’esterno.

 

Per fortuna il mercato ci propone una vasta gamma di carrelli elevatori. Ciascuna delle tipologie proposte può rappresentare uno strumento preziosissimo per il nostro lavoro. Prima di scegliere il giusto carrello elevatore, però, vi invitiamo a dare un’occhiata a quelli di Orzi Carrelli Elevatori, un’azienda da poter prendere di riferimento in caso d’acquisto.

 

Le diverse tipologie

 

Esistono, come abbiamo appena detto, diverse tipologie di carrelli elevatori. Questo perché ogni macchina viene progettata per rispondere ad una data esigenza di settore o mansione. I carrelli elevatori semplici – quelli più diffusi –  sono quelli muniti sulla parte anteriore da “forche”.

 

Le cosiddette forche hanno il compito di elevare i carichi anche ad altezze molto importanti, così da collocare la merce sugli scaffali posti più in alto. Le macchine stoccatrici, invece, differiscono da quelle elevatrici tradizionali per una lieve diversità di utilizzo: pur svolgendo più o meno la stessa funzione, infatti, questa macchina richiede il monitoraggio attento dell’operatore, che è solito affiancarla. Bisogna poi parlare dei carrelli per transpallet, che invece possono servirsi di pallets di legno.

 

Il muletto retrattile ha poi il compito di rendere più agile il trasporto e il tipo di movimento della macchina. Infine, i carrelli commissionatori vengono utilizzati per il “picking”, ossia per le operazioni di prelievo. Solitamente viene utilizzato in magazzino e il suo compito principale è quello di semplificare i movimenti.

 

Carrelli Elevatori Frontali

 

Il carrello elevatore frontale è conosciuto anche come il muletto tradizionale, in quanto costituisce il modello maggiormente usato e diffuso. Questo prototipo risulta essere molto dinamico e pratico, tanto da riuscire ad aderire ad ogni tipo di mansione.

 

Il carrello in questione può essere alimentato a benzina, gas, gasolio o batteria elettrica. Il nome viene dalla collocazione delle forche, poste sul lato anteriore della macchina.

 

Questa tipologia di carrello elevatore è indicato soprattutto per i magazzini, perché è efficiente e affidabile. E’ scelto soprattutto da chi deve effettuare delle manovre in spazi ridotti.

 

Carrelli elevatori retrattili

 

Molto diffusi sono anche i carrelli retrattili, che invece si distinguono per una struttura più ristretta. Solitamente questi trovano un ruolo nello stoccaggio e vengono perlopiù utilizzati in magazzino.

 

Carrello retrattile Linde

 

Una delle peculiarità del carrello retrattile è infatti quella di riuscire a restringere il carro all’occorrenza, così da riuscire ad attraversare anche le corsie più strette. Solitamente la macchina viene alimentata a batteria elettrica.

 

Carrelli Stoccatori

 

Altro modello prezioso per lo stoccaggio in magazzino è il carrello stoccatore. A renderlo particolarmente adatto a questa funzione è la sua manovrabilità, flessibile anche nelle corsie più anguste. Le dimensione dei carrelli stoccatori permettono di trasportare, in uno stesso viaggio, più merce. Questo ovviamente rende la loro prestazione molto efficiente.

 

Carrelli transpallet

 

I carrelli transpallet vengono anch’essi utilizzati per il carico di merci. La macchina viene utilizzata quando non vi è la necessità di elevare materiali ad altezze particolarmente importanti.

 

Muletto Traspallet Elettrico

 

Nella macro-categoria di macchine transpallet possiamo riconoscere diversi modelli. Abbiamo ad esempio quelli elettrici e manuali. Quelli elettrici sono preferibili, in quanto offrono la possibilità di essere utilizzate con operatore a bordo oppure con operatore di fianco.  

 

Carrelli a carico laterale

 

Un’altra soluzione opzionabile ci viene fornita dal carrello elevatore a carico laterale. Esso viene progettato e utilizzato per il trasporto di materiali lunghi. Tra questi ad esempio troviamo pannelli, tubi di ferro o plastiche e tavole di legno. La macchina prende il nome dalla presa, collocata appunto di lato, così da semplificare il trasporto. Tanti altri comunque sono i modelli da poter considerare. La scelta è sempre correlata alla propria esigenza.

 

Carrelli elevatori per grandi carichi

 

Tra le opzioni a nostra disposizione compaiono anche i carrelli per sollevare grandi carichi. In questo caso parliamo di macchine in grado si sollevare, all’occorrenza, anche tonnellate: si tratta di carrelli che spesso vengono utilizzati per trasportare, ad esempio, macchine, container o imbarcazioni. Un carrello elevatore per grandi carichi si mostra quindi una soluzione utile per chi ha la necessità di operare in grandi aree di stoccaggio. Durante l’acquisto di un carrello di questa tipologia è possibile scegliere tra quelli a diesel o a batterie al litio.

 

Carri elevatori trilaterali

 

I carri elevatori trilaterali vengono anch’essi utilizzati per attraversare corsie ristrette. Al contrario dei carrelli retrattili, però, essi sono muniti di forche roteanti. Le forche dei carri elevatori trilaterali infatti possono roteare verso destra e verso sinistra, a seconda del caso. Questa funzione permette una maggiore efficienza, soprattutto nelle aree di stoccaggio o nei magazzini che si sviluppano in verticale.

 

Carrelli sollevatori fuoristrada

 

Infine, abbiamo i carrelli sollevatori fuoristrada. Si tratta di macchine designate apposta per chi ha esigenza di operare in grandi cantieri o su terreni. La macchina in questione si distingue per una struttura massiccia e rialzata. Il motore è a diesel e presenta una grande potenza.

 

 


 

grazie-icona

Grazie!

– Se questa mini guida, con utili consigli, per scegliere un carrello elevatore ti è piaciuta, condividila pure con i tuoi amici.

Richiedi un preventivo online! (✔ gratis e senza registrazione)

         

Lascia un commento e raccontaci la tua opinione o la tua esperienza

Usa questo form per lasciare un contributo personale su questo articolo. Se invece vuoi richiedere i preventivi gratuiti, usa il form sovrastante.

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)