Come fare la manutenzione delle stufe a pellet

Come fare la manutenzione delle stufe a pellet
Rating Utenti: 5 (18 voti)

Come fare la manutenzione delle stufe a pellet? Se lo chiedono tutti coloro che, possedendo una stufa a pellet, intendono impegnarsi per far sì che duri a lungo e non perda efficienza. La questione è più complessa del solito, anche perché occorre operare una distinzione tra manutenzione ordinaria e straordinaria. Ecco ciò che serve sapere.

 

Come fare la manutenzione delle stufe a pellet: una stufa a pellet appena sistemata.

 

 

 

Perché curare la manutenzione delle stufe a pellet

 

La manutenzione delle stufe a pellet è un’attività fondamentale per conservare nel tempo le prestazioni del dispositivo ed evitare rotture, guasti, malfunzionamenti. Di norma, ciò riguarda tutti i dispositivi più o meno tecnologici. Tuttavia, riguarda con maggiore intensità proprio le stufe a pellet. Il motivo è semplice: l’attività che svolgono sottopone il dispositivo a materiali di scarto potenzialmente usuranti. Il riferimento è ovviamente ai fumi e ai residui della combustione.

 

Praticare una manutenzione periodica e a stretto giro delle stufe a pellet permette dunque di risparmiare molto denaro. Infatti, a una cura regolare del dispositivo corrisponde un minor rischio di mettere mani al portafogli per sistemare un guasto o peggio ancora chiedere un ricambio.

 

Occorre pertanto operare una distinzione tra la manutenzione ordinaria e quella straordinaria. La buona notizia è che almeno la prima può essere condotta in modalità fai da te, senza chiedere l’aiuto a un esperto.

 

 

Quando praticare la manutenzione ordinaria delle stufe a pellet

 

La manutenzione ordinaria consiste nella “semplice” pulizia. Le virgolette sono d’obbligo, anche perché tale attività richiede un certo impegno e qualche accorgimento. Per esempio, è necessario occuparsi singolarmente delle componenti, una per volta.

 

  • Braciere. Lo scopo è rimuovere le ceneri che si formano nel braciere. Il consiglio è di utilizzare un aspirapolvere a bidone, che consente di evitare la dispersione delle ceneri nell’ambiente.

 

  • Cassetto della cenere. La cenere qui abbonda ma niente paura: basta estrarre il cassetto e svuotarlo con la massima delicatezza (proprio per evitare la dispersione di polveri). Se il cassetto non è estraibile dovrete procedere nuovamente con l’aspirapolvere a bidone.

 

  • Pulizia esterna. In questo caso, niente di più semplice: pulite la stufa come se fosse un normale elettrodomestico, dunque utilizzando un panno umido e arricchito da detergente per superfici metalliche.

 

 

Quando praticare la manutenzione straordinaria delle stufe e pellet

 

Discorso diverso per la manutenzione straordinaria, o per lo meno “pesante”. Fa parte della categoria, per esempio, la pulizia del condotto della cenere e dello scambiatore. Entrambe le attività richiedono lo smontaggio dei componenti. In linea teorica può essere realizzato in modalità fai da te. Nella pratica, è bene rivolgersi a un tecnico. Nello specifico, tale manutenzione va fatta “una volta ogni tanto”, in genere a un intervallo di uno o due anni.

 

Che succede se la stufa a pellet non viene pulita? Purtroppo, aumenta il rischio che si rompa, che uno o più componenti vadano incontro a una rapida usura.

 

Piuttosto che tentare la riparazione, è bene procedere con il ricambio. Molte imprese si focalizzano sulla vendita e sull’installazione di ricambi. Tra questi spicca Ecotek, che è uno dei punti di riferimento italiani per chi è alla ricerca di ricambi stufe a pellet. Offre i prodotti delle migliori marche ed eroga anche un efficiente servizio di assistenza.

 

 

Manutenzione di una stufa a pellet.

 

 

Come far durare di più la stufa a pellet?

 

Al di là delle riflessioni sul concetto di manutenzione e rottura, è possibile individuare alcune buone pratiche per “allungare” la vita delle proprie stufe a pellet:

 

  • La pulizia dev’essere quotidiana. La pulizia del cassettone e del braciere per lo meno. Se è troppo scomodo, non andate oltre la settimana.

 

  • La stufa dev’essere sempre spenta e fredda. Ovviamente, questo è lo stato in cui si deve trovare al momento della pulizia, in modo da evitare qualsivoglia incidente domestico.

 

  • Se la stufa mostra malfunzionamenti è bene non utilizzarla. La stufa a pellet è un dispositivo ormai avanzato ma può sempre creare fastidi per la vivibilità degli ambienti se funziona male.

 

  • Non esitare a rivolgersi a un tecnico. Il fai da te in alcuni casi è consentito. Tuttavia, se sentite di non riuscire a portare a termine il lavoro, affidatevi agli esperti.

 

 

Richiedi un preventivo online! (✔ gratis e senza registrazione)

       
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)