15 Aprile 2024
Blog.Edilnet.it »» EdilNet News - Le notizie del giorno »» Un passo avanti per l’edilizia: verso la proroga della dichiarazione precompilata

 

Novità in vista per professionisti e contribuenti nel settore edile. Il panorama fiscale per i professionisti e i contribuenti nel settore dell’edilizia potrebbe presto registrare un importante cambiamento.

 

Il Consiglio nazionale dei commercialisti ha avanzato una richiesta ufficiale per estendere il termine di trasmissione dei dati relativi alle dichiarazioni precompilate, una mossa che potrebbe portare significativi benefici in termini di semplificazione e tempestività.

 

Un appello per più tempo

 

Al centro delle discussioni, la necessità di concedere più tempo per l’invio all’Agenzia delle Entrate delle informazioni sulle spese per il recupero del patrimonio edilizio e la riqualificazione energetica. Questa richiesta nasce dalla constatazione che i tempi tecnici per l’utilizzo del software di compilazione sono stati stretti, rendendo difficile per i professionisti rispettare le scadenze previste.

 

Alleggerire gli obblighi

 

Oltre alla proroga, i commercialisti sollecitano una revisione degli obblighi di comunicazione, in particolare per quanto riguarda le spese che beneficiano di sconto in fattura o di cessione del credito. L’obiettivo è ridurre il carico burocratico sui professionisti, facilitando così la gestione delle pratiche edilizie e energetiche.

 

Una proposta di riforma sanzionatoria

 

Il Consiglio nazionale dei commercialisti non si è limitato a chiedere più tempo e meno vincoli. Ha anche avanzato una proposta per rivedere il regime sanzionatorio applicabile in caso di violazioni legate alla trasmissione dei dati. L’intento è quello di ridurre le sanzioni, ritenute sproporzionate, al fine di aderire meglio al principio di proporzionalità, soprattutto in casi non imputabili a tentativi di elusione fiscale.

 

Verso un futuro più equo e sostenibile

 

La richiesta avanzata rappresenta un importante segnale di attenzione verso le esigenze dei professionisti e dei contribuenti del settore edile. Mitigare la severità delle sanzioni e concedere più tempo per gli adempimenti non solo alleggerirebbe il carico di lavoro, ma sarebbe anche un passo avanti verso un sistema fiscale più giusto e proporzionale. La speranza è che queste istanze trovino ascolto e conducano a un ambiente di lavoro più sereno e produttivo per tutti gli attori coinvolti.

Iscriviti e Resta Aggiornato
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)