21 Febbraio 2024
Blog.Edilnet.it »» EdilNet News - Le notizie del giorno »» Futuro del Superbonus edilizio: riduzioni in vista e reazioni del settore

Il Superbonus edilizio, misura chiave nel settore delle costruzioni, si appresta a subire importanti variazioni.

 

Con riduzioni previste dal 2024, il settore edile esprime delusione e incertezza. Analizziamo le prossime fasi di questa agevolazione e le sue implicazioni per costruttori e contribuenti.

 

Riduzione Graduale del Superbonus

 

Il Governo ha recentemente approvato un decreto che prevede una diminuzione progressiva del Superbonus edilizio: dal 70% nel 2024 al 65% nel 2025. Questa decisione segna un punto di svolta per il settore delle costruzioni, che si è largamente affidato a questa agevolazione per spingere rinnovamenti e lavori di efficientamento energetico.

 

Salvaguardie per i Contribuenti a Basso Reddito

 

Nonostante il taglio generale, il Governo ha previsto misure di protezione per i contribuenti più vulnerabili. In particolare, coloro con un ISEE inferiore ai 15mila euro e che hanno completato almeno il 60% dei lavori entro fine 2023, beneficeranno di un supporto finanziario per colmare il gap tra il 70% di agevolazione e il precedente 110%.

 

Reazioni del Settore Edile

 

I costruttori edili hanno manifestato delusione e preoccupazione di fronte a queste modifiche. Il Superbonus ha rappresentato un forte incentivo per il rinnovo del patrimonio edilizio italiano, e la sua riduzione potrebbe rallentare questo processo di rinnovamento. Le reazioni del settore saranno cruciali per comprendere l’effettivo impatto di queste misure.

 

Implicazioni per i Lavori in Corso

 

Una nota positiva è che i lavori certificati entro la fine del 2023 non subiranno penalizzazioni. Questo significa che i contribuenti che non hanno completato i lavori entro tale data non dovranno restituire i benefici già maturati. Una garanzia importante per chi ha investito nel miglioramento della sicurezza   e della propria abitazione.

 

Il Superbonus edilizio dunque, pilastro delle politiche di rinnovamento immobiliare, si avvia verso una fase di ridimensionamento. Questo cambiamento comporta sfide e opportunità per il settore, con potenziali ripercussioni sul mercato immobiliare e sull’efficienza energetica delle abitazioni italiane. Resta da vedere come costruttori e contribuenti si adegueranno a questo nuovo scenario.

 

Iscriviti e Resta Aggiornato
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)