21 Febbraio 2024
Blog.Edilnet.it »» EdilNet News - Le notizie del giorno »» Cambio di rotta sugli abusi edilizi: le nuove direttive del Consiglio di Stato

Una recente sentenza del Consiglio di Stato stabilisce nuove regole in materia di abusi edilizi, delineando un panorama più stringente per il condono edilizio e i lavori successivi all’istanza.

 

Questo importante cambiamento segna un punto di svolta nel trattamento degli abusi edilizi, con l’intento di rafforzare l’integrità del tessuto urbanistico e architettonico del paese.

 

La Sentenza del Consiglio di Stato e le Sue Implicazioni

 

La sentenza n. 11011 del 19 dicembre 2023 del Consiglio di Stato ha ribadito un principio cruciale: nessun condono per gli interventi che modificano sostanzialmente l’immobile dopo la data dell’istanza di sanatoria. Questo verdetto, confermando il rigetto di un’istanza di condono edilizio ai sensi del D.L. n. 269/2003, pone un freno a eventuali tentativi di aggirare le normative urbanistiche attraverso modifiche sostanziali post-richiesta.

 

I Requisiti per il Condonamento

 

Il processo di condono edilizio è ormai più rigoroso. Oltre al pagamento dell’oblazione e al decorso inutile del termine, è fondamentale la presentazione di documentazione conforme alle leggi statali e regionali, la fedeltà delle informazioni fornite e la dimostrazione che l’opera sia stata completata entro i termini di legge. Inoltre, l’opera non deve contravvenire ai vincoli di inedificabilità esistenti.

 

Condono e Silenzio Assenso: Cosa Cambia

 

Il principio del silenzio-assenso, spesso invocato in passato nelle pratiche di condono, è stato ridefinito. La mancata risposta del Comune non equivale automaticamente all’accettazione della richiesta di condono. È necessario dimostrare la conformità dell’opera alle leggi vigenti e la sua ultimazione nei termini previsti.

 

Limiti agli Interventi Post-Sanatoria

 

Gli interventi eseguiti sull’immobile dopo la richiesta di condono sono ora soggetti a una valutazione più severa. Qualsiasi opera che trasformi significativamente l’edificio, superando la soglia di manutenzione ordinaria, compromette la possibilità di ottenere il condono. Questo orientamento mira a prevenire l’alterazione delle caratteristiche originali dell’immobile che potrebbe eludere le norme urbanistiche.

 

La sentenza del Consiglio di Stato rappresenta un importante passo avanti nella lotta agli abusi edilizi, stabilendo criteri più stringenti per il condono edilizio. Queste nuove direttive sono un chiaro segnale a proprietari e operatori del settore: le modifiche sostanziali agli immobili, soprattutto dopo la presentazione dell’istanza di condono, non saranno più tollerate. Con queste regole, si mira a preservare l’integrità urbanistica e architettonica, garantendo una gestione più responsabile del patrimonio edilizio.

 

Iscriviti e Resta Aggiornato
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)