19 Febbraio 2024
Blog.Edilnet.it »» EdilNet News - Le notizie del giorno »» L’ultima sentenza del Tar Lazio avvia una nuova fase per demolizioni e costruzioni nell’Edilizia interna
Semplificazione edilizia interna: più libertà per demolizioni e costruzioni

Un passo verso la semplificazione nell’edilizia. In un contesto normativo spesso percepito come complesso e vincolante, una recente sentenza del TAR Lazio ha introdotto una novità per quanto riguarda le opere di demolizione e costruzione di tramezzi interni.

 

Questo cambiamento rappresenta un vero e proprio punto di svolta per il settore, offrendo ai proprietari di immobili e ai professionisti dell’edilizia una maggiore libertà di azione e riducendo al contempo gli oneri burocratici. La decisione marca un significato progresso verso un approccio più snello e flessibile nell’ambito delle ristrutturazioni. La semplificazione edilizia è un passaggio chiave per l’efficienza delle opere e per l’innovazione nel settore. 

 

Semplificazione edilizia interna: una nuova era per le ristrutturazioni?

 

Nel dinamico mondo dell’edilizia, la recente sentenza del TAR Lazio ha segnato un punto di svolta, aprendo la strada a una maggiore libertà nelle attività di demolizione e di costruzione di tramezzi interni. Questo cambiamento normativo è una buona notizia per proprietari di immobili e professionisti del settore che vedono la semplificazione edilizia come uno strumento per ridurre le pastoie burocratiche.

 

Demolizione e costruzione tramezzi: via gli ostacoli

 

La decisione n. 809 del TAR, datata 17 gennaio 2024, stabilisce che per le opere di rimozione e costruzione di tramezzi interni non è necessario alcun titolo autorizzativo. Ciò significa che la semplice Comunicazione di Inizio Attività (CILA), accompagnata da un progetto redatto da un tecnico abilitato, è sufficiente per dare il via ai lavori. Questo approccio snellisce il processo, consentendo di procedere con maggiore agilità e meno intoppi.

 

Un caso emblematico: è la vittoria dell’edilizia leggera?

 

Il caso riguarda il ricorso di un proprietario che aveva intrapreso la demolizione di un cartongesso per liberare una portafinestra, senza impatti sugli elementi strutturali dell’edificio. Nonostante un iniziale esposto del condominio, il Comune aveva riconosciuto la regolarità dei lavori.

 

La successiva contestazione da parte dell’Amministrazione, basata su una presunta irregolarità, è stata respinta dal TAR. Il Tribunale ha ribadito la conformità dei lavori alle norme vigenti e l’assenza di necessità di titoli autorizzativi aggiuntivi.

 

Le implicazioni della sentenza: un passo avanti per la semplificazione edilizia

 

Questa sentenza chiarisce che le modifiche non strutturali e non impattanti sull’estetica esterna degli edifici possono essere classificate come “interventi edilizi liberi“. La decisione rimuove incertezze e apre la strada a una gestione più fluida e meno onerosa delle piccole ristrutturazioni interne. Una certezza normativa dalla quale ripartire per imboccare la strada della semplificazione edilizia senza sacrificare le garanzie sulla sicurezza e sulla qualità degli interventi.

 

L’annullamento della sanzione applicata nel caso specifico evidenzia come, rispettando le regole, sia possibile realizzare lavori di ristrutturazione interna con maggiore facilità. Tale precedente giuridico potrebbe incentivare molti a investire in miglioramenti e modifiche degli spazi abitativi e di immobili, contribuendo a rivitalizzare il settore edilizio.

 

In conclusione, la sentenza del TAR Lazio rappresenta una significativa evoluzione nelle normative edilizie, promuovendo un approccio meno burocratico alle modifiche interne degli edifici. 

Iscriviti e Resta Aggiornato
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)