15 Luglio 2024
Blog.Edilnet.it »» EdilNet News - Le notizie del giorno »» Addio agli abusi: Giustizia impone uno sguardo nell’edilizia

Nel dibattito sull’urbanistica e la legalità delle costruzioni, una recente sentenza del Consiglio di Stato ha gettato nuova luce sulla gestione degli abusi edilizi. Con una decisione chiave, l’autorità giuridica ha delineato un approccio globale nella valutazione degli interventi, sottolineando l’importanza di considerare l’opera nella sua interezza piuttosto che in forma frammentata.

 

Analisi Giuridica degli Interventi Edilizi

 

Un giudizio significativo emerge dalla sentenza numero 9473 del 2 novembre 2023, dove si è stabilito che le opere di edilizia abusiva debbano essere valutate nella loro totalità. Tale principio contrasta con l’approccio che favorirebbe un’analisi segmentata, incapace di riflettere l’entità reale delle modifiche apportate. La decisione è scaturita dal rigetto di un ricorso contro il ripristino di un’area alterata da opere non autorizzate.

 

Repressione degli Abusi: un Dovere Vincolante

 

Il Consiglio di Stato ha sottolineato il carattere obbligatorio della repressione degli abusi edilizi, un’attività che le amministrazioni pubbliche devono perseguire con rigore. In questo quadro, si evince che eventuali violazioni procedurali non inficiano la legittimità delle ordinanze demolitorie, poiché l’esercizio del potere repressivo non è soggetto a negoziazione o discrezionalità amministrativa.

 

Il No alla Scomposizione degli Abusi

 

La giurisprudenza, seguendo la direzione intrapresa dal Consiglio di Stato, respinge l’idea che gli interventi possano essere valutati separatamente, preferendo una visione d’insieme. Questa prospettiva si rafforza ancor più quando le costruzioni abusive ricadono in aree protette da vincoli paesaggistici, dove non solo l’aspetto edilizio ma anche la conservazione del paesaggio necessitano di essere tutelati.

 

La Reale Portata degli Interventi

 

La sentenza enfatizza che non si può sottovalutare l’impatto di opere quali pareti o tettoie, che pur sembrando minori, fanno parte di una trasformazione più ampia e quindi, influenzano il carico urbanistico dell’area. Inoltre, la giurisprudenza riconosce che è inappropriato considerare tali opere come semplici pertinenze, sottolineando la necessità di un’analisi comprensiva che tenga conto dell’impatto complessivo degli interventi.

 

La sentenza dunque riafferma un orientamento giurisprudenziale fondamentale: nel valutare gli interventi edilizi, è cruciale adottare una prospettiva globale per comprendere appieno l’impatto e l’entità delle modifiche apportate al paesaggio edilizio. Questa decisione segna un passo importante nella lotta contro l’abusivismo edilizio, confermando che ogni azione deve essere valutata in funzione del suo contributo all’intera opera, ponendo così le basi per una gestione più consapevole e rispettosa del territorio.

Iscriviti e Resta Aggiornato
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)