5 Giugno 2024
Blog.Edilnet.it »» EdilNet News - Le notizie del giorno »» Pavimentazioni esterne: Permesso di costruire o edilizia libera?
blank

Nel complesso mondo dell’edilizia, una questione frequente riguarda la classificazione delle pavimentazioni esterne: rientrano nell’ambito dell’edilizia libera o richiedono un permesso di costruire? 

 

Recentemente, due sentenze del TAR Campania hanno fornito chiarimenti cruciali, delineando i confini e i criteri per determinare quando tali opere sono esenti dalla necessità di permessi. Questa distinzione è fondamentale per professionisti del settore e per chiunque intenda intraprendere lavori di pavimentazione esterna, per garantire la conformità alle normative e evitare complicazioni legali.

 

Nuove sentenze chiariscono il confine nell’edilizia esterna

 

La questione se la realizzazione di pavimentazioni esterne richieda un permesso di costruire o rientri nell’ambito dell’edilizia libera è da tempo oggetto di dibattito. Due recenti sentenze del TAR Campania hanno fornito chiarimenti significativi, sottolineando le condizioni sotto le quali tali opere possono essere considerate attività di edilizia libera.

 

Criteri per l’edilizia libera: Sentenze del TAR Campania

 

Secondo la sentenza n. 5145 del TAR Campania, Napoli, le opere di pavimentazione esterna sono configurabili come edilizia libera quando svolgono una funzione accessoria e non incidono significativamente sul territorio. Questo è generalmente il caso quando le opere sono realizzate in aree pertinenziali di edifici in zone edificabili. La sentenza n. 2409 del TAR Campania, Salerno, ha confermato che interventi di modesta estensione, come la rifinitura con gres porcellanato o l’apposizione di quadroni in calcestruzzo, non necessitano di permesso di costruire, a meno che non comportino un cambio di destinazione urbanistica del suolo.

 

Esempi di interventi in edilizia libera

 

Tra i vari casi esaminati, sono stati identificati come edilizia libera la realizzazione di pavimentazioni stagionali, piccoli marciapiedi in cortili interni e pavimentazioni di superfici limitate. Questi esempi illustrano situazioni in cui gli interventi non hanno impatti strutturali rilevanti e mantengono la destinazione originale dell’area.

 

Casi che richiedono il permesso di costruire

 

Al contrario, è stato ritenuto necessario il permesso di costruire per opere di maggior entità o che comportano una modifica sostanziale dell’uso del suolo, come pavimentazioni di ampie aree o modifiche che alterano la destinazione agricola di un’area. 

 

Queste recenti sentenze forniscono una guida importante per professionisti e imprese nel settore dell’edilizia, offrendo una maggiore chiarezza sulle normative relative alle pavimentazioni esterne. La distinzione tra edilizia libera e opere che richiedono permessi di costruire è fondamentale per una corretta pianificazione e realizzazione di progetti edili, assicurando il rispetto delle normative urbanistiche e una gestione efficace del territorio.

 

Iscriviti e Resta Aggiornato
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)