15 Aprile 2024
Blog.Edilnet.it »» EdilNet News - Le notizie del giorno »» Paolo D’Anca (Filca Cisl) presenta comunicato per combattere l’illegalità edilizia

Un fervido appello alla legalità emerge come  guida verso un futuro più sicuro e giusto per i lavoratori. Paolo D’Anca, segretario della Filca Cisl Sicilia, ha recentemente sollevato una questione cruciale: l’urgenza di combattere l’illegalità per fermare l’allarmante ondata di morti nei cantieri.

 

Durante un significativo incontro dedicato alla legalità nel settore, tenutosi in un luogo simbolico di integrità come il centro Padre Pino Puglisi, è stata evidenziata la necessità di un’azione concreta contro corruzione, appalti truccati e pratiche illecite che mettono a rischio la vita dei lavoratori.

 

Legalità: il cuore della sicurezza

 

L’evento ha visto la partecipazione di figure chiave, tra cui il segretario nazionale della Filca Cisl, Claudio Sottile, e importanti rappresentanti del mondo ecclesiastico e civile, dimostrando un’ampia convergenza sull’importanza di perseguire la legalità come strumento fondamentale per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro. L’accento posto sulla legalità non solo mira a salvaguardare l’incolumità dei lavoratori ma anche a promuovere un ambiente di lavoro dignitoso e rispettoso dei diritti.

 

Iniziative e sensibilizzazione

 

L’incontro ha anche sottolineato l’impegno nel promuovere iniziative che sensibilizzino le imprese sull’importanza del rispetto delle norme. Questo sforzo collettivo intende non solo contrastare l’illegalità ma anche incoraggiare un cambiamento culturale che ponga la sicurezza e l’etica al centro dell’industria edile. L’obiettivo è chiaro: evitare che il costo della non conformità sia pagato con vite umane.

 

Un modello di ispirazione: il centro Padre Pino Puglisi

 

Il centro Padre Pino Puglisi, dove si è svolto l’incontro, rappresenta un modello emblematico di impegno civile e di lotta alla criminalità. La scelta di questo luogo per discutere di legalità e sicurezza sul lavoro non è casuale ma simbolica, riflettendo l’ideale di una comunità che si oppone alla corruzione e alla disumanizzazione del lavoro.

 

Verso un futuro di legalità e sicurezza

 

L’appello alla legalità lanciato da D’Anca e sostenuto dai partecipanti all’incontro non è solo una richiesta di conformità normativa ma una visione per un settore edile più sicuro, equo e rispettoso dei diritti fondamentali dei lavoratori. In un mondo dove l’edilizia è spesso segnata da rischi e pericoli, il cammino verso la legalità e la sicurezza appare come la chiave per proteggere non solo i lavoratori ma l’intera società da un circolo vizioso di illegalità e tragedie evitabili.

 

L’impegno condiviso da figure istituzionali, sindacali e comunitarie riflette una forte volontà di cambiamento, un invito a tutti gli attori del settore a unirsi in questo cruciale sforzo di trasformazione. La strada verso un’edilizia più sicura e giusta è tracciata: spetta ora a tutti procedere con determinazione e coraggio su questo percorso.

Iscriviti e Resta Aggiornato
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)