24 Maggio 2024
Blog.Edilnet.it »» EdilNet News - Le notizie del giorno »» Misure contro il lavoro nero nell’edilizia: multe e regole più severe per committenti e imprese

La recente approvazione del Decreto Legge Coesione introduce significative novità nella lotta al lavoro irregolare nel settore edilizio, estendendo la responsabilità anche ai committenti privati e prevedendo sanzioni più severe.

 

Controlli rafforzati e multe per i committenti

 

Il nuovo decreto prevede una stretta sui controlli in campo edilizio, mirando a ridurre la quota di lavoro non regolare sia nei cantieri pubblici che privati. Una delle misure più incisive riguarda l’introduzione di sanzioni economiche per i committenti privati che affidano lavori a imprese non in regola, con multe che possono variare da 1.000 a 5.000 euro. Questa novità è un chiaro segnale del crescente impegno nella regolamentazione del settore.

 

Il ruolo dell’attestato di congruità

 

Un elemento chiave del decreto è l’attestato di congruità, uno strumento che consente di verificare la proporzionalità tra il costo della manodopera e l’importo complessivo dell’intervento. Questo certificato è fondamentale per garantire che le imprese rispettino le normative sul lavoro, evitando così pratiche irregolari. L’introduzione di tale misura facilita notevolmente l’identificazione di irregolarità nei cantieri.

 

Reazioni dei sindacati

 

Le reazioni dei sindacati sono state in gran parte positive, con alcuni leader sindacali che hanno espresso soddisfazione per l’introduzione di regole che da tempo erano richieste. Tuttavia, sottolineano anche che la soglia di 70.000 euro per l’applicazione dell’attestato di congruità potrebbe essere troppo alta, lasciando scoperti numerosi lavori di minor entità, spesso più soggetti a irregolarità.

 

Sfide e prospettive future

 

Nonostante le positive novità, rimangono sfide significative, come l’eliminazione del sistema di massimo ribasso negli appalti, che continua a impattare negativamente sulla qualità del lavoro e sulla sicurezza nei cantieri. Inoltre, la stretta regolamentazione e la corretta applicazione delle norme saranno cruciali per garantire che le nuove misure raggiungano gli obiettivi desiderati, migliorando la situazione lavorativa nel settore edilizio.

 

Questa riforma rappresenta un passo avanti significativo per il settore edilizio, mirando a una maggiore trasparenza e regolarità del lavoro, con l’obiettivo di migliorare sia le condizioni dei lavoratori che la qualità delle costruzioni in Italia.

 

Iscriviti e Resta Aggiornato
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)