5 Giugno 2024
Blog.Edilnet.it »» EdilNet News - Le notizie del giorno »» Crollo del Politeama: giustizia fatta dopo 16 anni, due condanne

Un lungo iter processuale si conclude con una sentenza storica.

 

Dopo 16 anni di attesa, il processo legato al crollo del Teatro Politeama ha finalmente trovato la sua conclusione. Una sentenza attesa e discussa, che ha segnato un punto di svolta per la comunità locale e chiuso una lunga vicenda giudiziaria iniziata nel 2008.

 

Le condanne e l’assoluzione della commissione edilizia

 

La sentenza del giudice Antonella Basilone ha visto la condanna di Laura Tuffarini e Nella Pasquini, legali rappresentanti di Caprice srl, a un anno e otto mesi di reclusione, con pena sospesa. La commissione edilizia, composta da Franco Bedini, Giuseppe Fruzzetti, Paolo Bugliani, Romano Caffaz, Sergio Altieri, Giancarlo Cacciatori e Paolo Cattani, è stata invece assolta per non aver commesso il fatto. La stessa sorte è toccata a Cesare Marchetti, Claudio Bacicalupi, Silvestro e Fabio Telara.

 

Il lungo percorso del processo

 

Il percorso giudiziario è stato complesso e articolato, con un iter iniziato nel lontano 2008 a seguito del dissesto di un pilastro, culminato nel crollo parziale dell’ala sinistra del Politeama nel 2011. Il giudice Basilone ha dichiarato di non dover procedere nei confronti di Pasquini e Tongiani per i delitti di truffa aggravata, a causa della prescrizione degli stessi. Tuttavia, Tuffarini e Pasquini sono state condannate al risarcimento dei danni subiti dalle parti civili.

 

Le reazioni alla sentenza

 

I difensori dei componenti della commissione edilizia hanno accolto con soddisfazione la sentenza. “La commissione aveva il potere di approvare o respingere una variante, ma la valutazione finale spettava al sindaco”, ha spiegato l’avvocato Angelo Tubolino. La consulenza tecnica del professor De Matteis è stata decisiva, ha aggiunto Umberto Zangani.

 

Prospettive future

 

Con la fine del processo, si apre una nuova fase per il Teatro Politeama e per la comunità che ha seguito con attenzione l’evolversi della vicenda. Il dissequestro dell’immobile e la restituzione ai proprietari segna un nuovo inizio. La sentenza rappresenta non solo una chiusura giudiziaria, ma anche l’opportunità di riflettere sulle responsabilità e sulle pratiche edilizie future, garantendo maggiore sicurezza e trasparenza nei progetti edilizi.

 

La comunità attende ora i prossimi passi per la riqualificazione del Teatro Politeama, simbolo culturale e storico della città, con la speranza che questa sentenza possa segnare l’inizio di una nuova era di rinnovamento e sicurezza nel settore edilizio.

Iscriviti e Resta Aggiornato
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)