24 Maggio 2024
Blog.Edilnet.it »» EdilNet News - Le notizie del giorno »» Panorama edilizio fortemente negativo nel primo trimestre del 2024

L’inizio del 2024 ha riservato diverse sorprese per il settore degli appalti pubblici in Italia, mostrando una marcata riduzione sia nel numero di gare che nei volumi finanziari coinvolti.

 

Questo trend riflette una serie di sfide, tra cui l’integrazione di nuove tecnologie e processi digitali, che hanno influenzato il ritmo e la capacità delle amministrazioni di promuovere nuovi lavori. Nonostante questo scenario in apparenza cupo, alcuni segnali di resilienza e adattamento suggeriscono la possibilità di una ripresa e di un’evoluzione positiva nel corso dell’anno.

 

Una partenza lenta per il 2024 nel settore delle costruzioni

 

Il primo trimestre del 2024 ha segnato una battuta d’arresto significativa per il settore degli appalti pubblici in Italia. Confrontando i dati con lo stesso periodo del 2023, abbiamo assistito a un decremento del 41,1% nel numero delle gare e del 62,6% nel valore complessivo delle opere, con solamente 3.594 bandi emessi per un valore di 6,055 miliardi di euro.

 

Le sfide dell’adattamento digitale

 

Secondo l’osservatorio Cresme Europa Servizi, l’introduzione di nuovi sistemi digitali per la gestione degli appalti da gennaio ha rappresentato una sfida significativa. Molte amministrazioni comunali e altri enti pubblici stanno ancora cercando di adattarsi a queste innovazioni, il che ha contribuito alla riduzione delle procedure di gara.

 

Una crisi diffusa tra le amministrazioni

 

Analizzando i dati più da vicino, si nota che le amministrazioni comunali hanno seguito il trend generale con una diminuzione del 40% nel numero di gare e del 56,7% negli importi finanziari. Anche altre importanti entità come Anas, le Ferrovie, la sanità pubblica e le amministrazioni provinciali hanno visto cali significativi sia nel numero di bandi sia nei volumi di investimento.

 

Ci sono segnali di recupero?

 

Nonostante il generale clima di contrazione, alcune aree mostrano segnali di ripresa. Il Veneto, ad esempio, ha visto un leggero aumento del 2,6% negli importi a base d’asta grazie a un progetto di finanziamento unico, dimostrando che ci sono ancora opportunità di crescita. Inoltre, il bando più significativo di marzo, indetto dal Comune di Cortina d’Ampezzo per la riqualificazione dell’ex stazione ferroviaria, rappresenta un importante investimento di 230 milioni di euro che potrebbe fungere da catalizzatore per ulteriori sviluppi.

 

Il settore delle costruzioni, nonostante le difficoltà iniziali del 2024, mostra segnali di adattabilità e potenziale di recupero, aprendo la strada a una possibile rivoluzione nella gestione e realizzazione degli appalti pubblici in Italia.

Iscriviti e Resta Aggiornato
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)