3 Dicembre 2023
Blog.Edilnet.it »» EdilNet News - Le notizie del giorno »» La battaglia per l’equo compenso: professionisti in prima linea
Uomo che analizza due mucchi di monete affiancati

Un uomo osserva attentamente due diverse pile di monete, riflettendo sul valore e sul confronto tra di esse.

In un contesto in cui l’edilizia e le professioni ad essa legate sono in costante evoluzione, emerge con forza il dibattito sull’equo compenso. Professionisti e istituzioni si confrontano, cercando di trovare un equilibrio tra le esigenze del settore e la tutela dei lavoratori.

 

La posizione del CNI

 

Il Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI) si mostra deciso nel difendere la recente legge sull’equo compenso. Durante l’ultimo congresso a Catania, il CNI ha ribadito la coerenza della norma con il Codice dei Contratti, pur esprimendo la volontà di apportare miglioramenti. La proposta? Un richiamo esplicito all’equo compenso nel correttivo al Codice, in risposta alle preoccupazioni sollevate da alcuni settori.

 

Fondazione Inarcassa: tra difesa e proposte

 

La Fondazione Inarcassa si fa portavoce delle esigenze dei professionisti, sottolineando l’importanza della norma sull’equo compenso, soprattutto in relazione ai grandi committenti come P.A., banche e grandi imprese. La Fondazione, inoltre, evidenzia come, nonostante la legge sia in vigore da poco, vi siano già tentativi di indebolirla. L’appello è chiaro: è necessario un aggiornamento del decreto parametri per garantire una maggiore tutela delle prestazioni professionali.

 

Il comunicato ANAC e le possibili implicazioni

 

Il comunicato dell’ANAC dell’8 agosto ha sollevato non poche preoccupazioni. Con l’introduzione della Legge 49/2023, l’equo compenso diventa un parametro fondamentale, influenzando direttamente le dinamiche delle gare d’appalto. Questo potrebbe portare ad un aumento dei costi e ad una potenziale riduzione della concorrenza, con tutte le ripercussioni che ciò potrebbe avere sul settore.

 

La politica e l’equo compenso: un rapporto da rafforzare

 

L’approvazione della legge sull’equo compenso ha visto un ampio consenso politico. Tuttavia, la Fondazione Inarcassa sottolinea come sia fondamentale non cedere alle pressioni di alcuni poteri forti, ma piuttosto rafforzare l’interesse collettivo alla qualità delle prestazioni professionali. L’appello alla politica è chiaro: è necessario un ulteriore passo avanti per garantire l’equo compenso e la tutela dei professionisti.

 

In poche parole…

 

La questione dell’equo compenso non è solo un dibattito tecnico, ma tocca le fondamenta stesse del settore edile e delle professioni ad esso legate. In un contesto in cui la qualità del lavoro e la sicurezza dei cittadini sono al centro, è fondamentale garantire che ogni professionista venga adeguatamente retribuito per il suo impegno e la sua competenza. La battaglia per l’equo compenso è solo all’inizio, ma le basi per un futuro più equo e sostenibile sono state gettate.

 

Iscriviti e Resta Aggiornato
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ✔

Scopri come ➜

Richiedi Preventivi Gratuiti( ✔ gratis e senza registrazione)