Verande in legno: prezzi e consigli

Vorresti realizzare una veranda? Scopri insieme a noi tutti i segreti e i prezzi delle verande in legno!

verande in legno prezzi e consigli
Verande in legno: prezzi e consigli
User Rating: 4.7 (3 votes)

Le verande in legno consentono di ampliare lo spazio abitativo e al contempo rendono confortevole e accogliente un giardino, un balcone, un terrazzo o un attico. Sicché, possono considerarsi una sorta di limbo in cui godere del tepore estivo ovvero vivere l’esterno nella stagione fredda.

 

 

 

Perché una veranda in legno?

 

Le verande in legno si prestano a molteplici funzioni dal momento che possono essere adibite a giardino d’inverno per via dell’ampia luminosità oppure possono dare vita a un soggiorno, una cucina esterna con o senza sala pranzo, una zona conversazione, un angolo lettura.veranda in legno aperta

Il legno come materiale di costruzione offre svariati vantaggi di carattere estetico e strutturale. Tanto per cominciare, il legno è un eccellente isolante naturale e quindi consente di realizzare strutture di limitato spessore; basti pensare che una parete di legno massiccio di 5 cm ha la stessa coibentazione termica di una parete spessa 80 cm. Materiale termoisolante per eccellenza, il legno protegge sia dal caldo estivo sia dal freddo invernale.

Inoltre, il peso ridotto e l’elevata capacità di carico ne permettono l’utilizzo su balconi e terrazzi. Senza dire dei limitati tempi di realizzazione rispetto a strutture in muratura, con conseguente risparmio di costi e tempo. Una veranda in legno è la soluzione ideale quando si desidera espandere una tettoia preesistente, ma è altresì possibile realizzare una struttura lignea rimuovendo una parete.

Per finire, c’è il fascino che sa esercitare il legno, e la sua capacità di inserirsi squisitamente in qualsiasi ambiente, in stile classico o rustico o moderno, impreziosendo il profilo di una facciata. In particolare, l’abbinamento di legno e vetro dà vita a una delle combinazioni più apprezzate e richieste, meglio ancora se la scelta ricade su vetri a basso potere emissivo e di elevata resistenza.

 

 

Tipologie di verande in legno

 

La prima fondamentale distinzione si pone tra le verande in legno autoportanti e quelle che invece sono sostenute dall’abitazione. Fanno parte di queste ultime, per esempio, le suggestive verande in legno e pietra che abbelliscono le case di campagna e le masserie riattate.

Tra le verande autoportanti, invece, ritroviamo le serre solari (o bioclimatiche) e le verande prefabbricate. Le prime sono preferibilmente orientate a sud e si caratterizzano per serramenti a taglio termico. In estate è invece preferibile ricorrere a un sistema di ombreggiamento (piante, tende) per mitigare la calura. Se nessuna veranda prefabbricata risponde alle nostre esigenze, si rende necessaria una soluzione su misura. veranda in legno autoportante

La veranda in legno può essere realizzata a centro parete oppure può unire due lati della casa disponendosi ad angolo. Il tetto può essere piano o spiovente, ammesso che non si provveda a chiudere una tettoia già presente. Anche la tipologia delle vetrate contribuisce a differenziare una veranda in legno: le vetrate possono essere fisse o a battente o scorrevoli oppure a libro.

Lo spazio esterno può essere sfruttato tutto l’anno grazie all’impiego di una speciale copertura mobile. La veranda retrattile, che può avere copertura opaca o trasparente e può essere dotata di azionamento manuale o automatizzato, conferisce estrema luminosità all’ambiente, tanto più che solitamente una struttura di questo tipo è anche corredata di vetrate o pannelli scorrevoli. Oltre a ciò, questo vero e proprio tetto telescopico può essere coibentato e godere di isolamento termico e sonoro.

La veranda a portico in legno è un tipo particolare di veranda chiusa che può essere ricavata da un porticato, a condizione che si rispetti lo stile del’intera architettura o quantomeno della facciata che dà sul portico. Anche in questo caso gli appassionati di domotica possono ricorrere a pannelli laterali azionabili a distanza.

 

 

Verande in legno: i prezzi

 

Il costo di realizzazione di una veranda in legno varia in funzione di svariati fattori. Innanzitutto, il prezzo varia in ragione del modello scelto, prefabbricato o su misura, il primo tipo essendo solitamente più economico a parità di metratura.

Anche la tipologia di legno determina sensibili differenze di prezzo in base al tipo di essenza impiegata e al trattamento a cui è stato sottoposto il legno. Per esempio, le verande in legno massello costano di più rispetto a quelle in legno lamellare. Queste ultime hanno mediamente un costo di 300,00 € per mq, essendo la metratura riferita alla superficie della copertura e dei lati esterni.

Più economiche sono le verande aperte e le verande a portico, che partono in genere da 120,00 €150,00 € per mq. Anche in questo caso la metratura non fa riferimento alla superficie calpestabile.

Le utili ed eleganti verande retrattili in legno hanno prezzi che variano in base alla metratura e al materiale con cui è realizzata la copertura. Per esempio, una struttura mobile di 15 x 2,10 m costa intorno agli 8.000,00 €.

Inoltre, influisce sul costo anche il tipo di chiusura dei pannelli laterali. Sicché, è da prendere in debita considerazione la tipologia di vetrata, che può essere a doppio o triplo vetro, antisfondamento, termoriflettente. Senza contare che i pannelli possono essere scorrevoli, a battente o a libro. Si parte da 500,00 €600,00 € al mq nel caso di strutture dotate di vetrate dall’elevato potere isolante.

Beninteso, la tipologia di infisso (nonché l’orientamento dell’intera struttura) incide sui costi anche a medio e lungo termine, nella misura in cui l’isolamento termico influisce sul consumo energetico.

Il prezzo sale nel caso in cui si scelga una struttura in muratura e legno bianco, magari decapato: a un minimo di 1.000,00 € al mq vanno aggiunti i costi di progettazione.

Sul prezzo incidono altresì le eventuali finiture (per esempio, le vetrate colorate o satinate), l’installazione e la manodopera. I costi della manodopera variano a seconda della zona, mentre per le spese di installazione si può parlare in genere di un 20% in più rispetto alla spesa iniziale.

 

 

Verande in legno: manutenzione e normative

 

Se è vero che la veranda in legno esercita un fascino particolare, ha un grande impatto visivo e inoltre si presta a innumerevoli personalizzazioni, è anche vero che abbisogna di periodici lavori di manutenzione, a partire dai trattamenti di verniciatura che preservano dagli agenti atmosferici.veranda in legno lamellare

L’impregnante per coperture esterne renderà il legno più resistente all’acqua, all’umidità e al sole, senza considerare la possibilità di valorizzarne le venature e gli eventuali nodi in vista. Penetrando nel legno, l’impregnante ha il pregio di non creare una pellicola sulla superficie su cui viene steso; così, può essere riapplicato tranquillamente a distanza di anni. L’impregnante a base solvente è indicato per gli esterni, ma può essere impiegato efficacemente anche quello a base acqua.

Praticamente inattaccabili dagli agenti atmosferici sono le verande in legno lamellare, le quali necessitano pertanto di bassa manutenzione: una saltuaria passata con un panno inumidito potrebbe essere sufficiente, qualora si sia scelto un legno di elevata qualità. Per esempio, il rovere costa di più dell’abete, ma è al contempo più resistente sia alle intemperie sia alle muffe, ragion per cui i costi possono essere ammortizzati.

Dal momento che la veranda in legno è un elemento strutturale fisso che apporta una modifica alla sagoma e alla volumetria abitativa, la sua realizzazione necessita di particolari permessi. Ecco perché si consiglia di rivolgersi a un tecnico abilitato, che valuterà la volumetria residua e presenterà un progetto nel pieno rispetto dei rapporti di superficie aereo-illuminante e delle altre normative previste dal Regolamento Edilizio Comunale.

Qualora l’abitazione sia sottoposta a vincoli paesaggistici si rende necessario anche il permesso della Soprintendenza. Se l’immobile fa parte di un condominio, è altresì richiesto il parere di tutti i condomini.

Finiti i lavori, il tecnico abilitato dovrà occuparsi della variazione catastale, e nel caso di un condominio dovrà provvedere anche all’aggiornamento delle quote millesimali.

 

 

Verande in legno: come poter risparmiare

 

La migliore soluzione in termini di rapporto qualità-prezzo si ottiene senz’altro procedendo a un confronto fra diversi preventivi. Una volta appurato qual è mediamente il costo di una veranda in legno nella zona interessata, è consigliabile la ricerca perlomeno di un’azienda specializzata disposta a trattare sui costi di posa.

Se non si dispone di sufficiente tempo per occuparsene, è sempre possibile affidarsi a Edilnet.it, tramite il quale raccogliere le richieste di una serie di ditte che operano in zona.

 

Richiedi un preventivo gratuito adesso!

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ONLINE! Scopri come ➜
X

Richiedi Preventivi Gratuiti