Una casa ristrutturata per il risparmio energetico

Una casa ristrutturata per il risparmio energetico permette un futuro risparmio in bolletta ed anche di rispettare l'ambiente...ecco alcuni utili consigli

ristrutturare casa con risparmio energetico
Una casa ristrutturata per il risparmio energetico
User Rating: 4.9 (7 votes)

Se hai intenzione di ristrutturare la tua casa o di comprarne una da ristrutturare, potrebbe essere l’occasione giusta per includere nei lavori alcuni interventi per il risparmio energetico. Una casa ristrutturata per il risparmio energetico ti consentirà poi di avere una bolletta più leggera. Ecco alcuni consigli.

Per questo tipo di lavori sarà sicuramente necessario un piccolo investimento iniziale, ma questi accorgimenti possono garantirti un notevole risparmio sulla bolletta: accenderai meno spesso termosifoni e condizionatori e consumerai meno energia elettrica. Inoltre il valore della tua casa aumenterà notevolmente e, se deciderai di rivenderla, potrai ricavare un guadagno maggiore.

finestre isolanti

Le finestre isolanti

Un buon modo per risparmiare energia può essere l’installazione di finestre isolanti, che devono essere certificate e rispondere a standard europei ben precisi.

Queste finestre sono dotate di due lastre di vetro, divise da uno spazio riempito con aria compressa o gas nobile. Ciò permette di mantenere nella stanza una temperatura costante sia in inverno sia in estate, riducendo di molto l’utilizzo di termosifoni e condizionatori. Un altro vantaggio è l’isolamento acustico, particolarmente utile per chi abita in città.
È importante che le finestre isolanti garantiscano comunque un buon ricambio d’aria, per evitare la formazione di muffe, e che resistano al vento forte e alle intemperie.

 

Il cappotto termico

Il cosiddetto cappotto termico è un’altra tecnica che permette l’isolamento termico e acustico dell’edificio e consiste nel rivestire le pareti con dei pannelli isolanti.
Nella maggior parte dei casi i pannelli vengono applicati all’esterno dell’edificio, perciò il loro spessore non influirà sulla metratura interna delle stanze.

risparmio energetico

Lo spessore dei pannelli può variare in base alle proprie esigenze, perciò è bene affidarsi alla consulenza di un esperto.
In alcuni casi, tuttavia, è inevitabile scegliere il cappotto interno; ciò accade per esempio nella ristrutturazione di un singolo appartamento in un condominio, quando non si può intervenire sulla facciata esterna. Lo stesso vale nel caso in cui si intenda isolare una sola stanza della casa.

 

Gli interventi al tettotetto ventilato

Se la ristrutturazione coinvolge anche il tetto dell’immobile, può essere l’occasione per valutare di eseguire un isolamento anche sulla copertura dell’edificio, o meglio ancora realizzare un tetto ventilato.
Il tetto ventilato (noto anche come “tetto freddo”) è caratterizzato da un’intercapedine di 6-10 cm al di sotto delle tegole. Grazie a questo spazio in estate l’aria calda che si accumula sotto le tegole può fuoriuscire, senza surriscaldare l’edificio, mentre in inverno il vapore e la condensa che si creano per lo sbalzo di temperatura tra l’interno e l’esterno potranno disperdersi.

Oltre all’intercapedine, il tetto ventilato ha una barriera isolante che mantiene la temperatura interna costante.

 

Gli impianti fotovoltaici

impianto fotovoltaicoGli impianti fotovoltaici sfruttano l’energia solare per produrre energia elettrica, con un fortissimo risparmio sulla bolletta. L’energia “catturata” dai pannelli fotovoltaici può essere accumulata e utilizzata anche nei momenti in cui il sole non splende, perciò un buon impianto permette di autoprodurre tutta l’energia di cui si ha bisogno, senza ricorrere alla rete elettrica tradizionale.
Ormai esistono molte aziende che si occupano dell’installazione di questi impianti e i prezzi non sono più proibitivi come un tempo.

Ovviamente la quantità di energia prodotta dipenderà dalle dimensioni dell’impianto, che viene collocato sul tetto dell’immobile.
Se scegli di installare dei pannelli fotovoltaici, potresti addirittura escludere totalmente l’utilizzo del gas e far funzionare tutta la tua casa solo con l’energia elettrica prodotta dai pannelli. Naturalmente dovrai valutare questa possibilità in base alle caratteristiche della tua casa, come l’ampiezza e l’esposizione al sole del tetto.
Un lato negativo dei pannelli fotovoltaici è che non sono eterni: prima o poi dovranno essere sostituiti, ma solitamente viene garantito il loro funzionamento (e il tuo risparmio sulla bolletta!) per almeno una ventina d’anni.

 

Altri consigli per il risparmio energetico

Un ulteriore accorgimento può essere l’acquisto di lampadine a led, che offrono alte prestazioni con un consumo notevolmente ridotto rispetto alle normali lampadine. Questo piccolo espediente può essere realizzato in qualsiasi momento, senza nemmeno il bisogno di ristrutturare la casa, ma può influire molto sul consumo di energia elettrica.
Infine è possibile sostituire la caldaia che si ha in casa con una caldaia a condensazione, che lavora a temperatura più bassa delle caldaie tradizionali e quindi consuma meno energia.

 

Gli incentivi statali

Se deciderai di effettuare uno o alcuni degli interventi che abbiamo appena descritto, ricordati che presentando un’apposita richiesta potrai detrarre fino al 65% delle spese sostenute per i lavori. Per questo è bene rivolgersi a un tecnico abilitato prima di iniziare i lavori, chiedendogli di svolgere le pratiche per ottenere l’agevolazione fiscale per risparmio energetico. In questo modo ammortizzerai in breve tempo i costi della ristrutturazione e potrai iniziare il prima possibile a goderti il risparmio sulla bolletta!

ristrutturare casa per risparmio energetico

Abbiamo intervistato un esperto, l’architetto Pavanetto Eliseo, titolare di un importante studio di architettura che presta grande attenzione alle tecniche di risparmio energetico.

1. Potrebbe raccontarci qualcosa della sua azienda?

 IL MIO STUDIO Sono il titolare di uno studio di Architettura specializzato nella progettazione su misura di ville e nella ristrutturazione in Bioedilizia. Lo studio si avvale di professionisti di comprovate esperienze e con specifiche competenze professionali che garantiscono un servizio completo e qualificato.

Proponiamo un modo diverso di fare Architettura basato su questi obbiettivi fondamentali: il rispetto dell’ambiente, la qualità della vita e il benessere psico fisico degli esseri viventi. Pratichiamo un’Architettura olistica che considera il progetto nella sua totalità e ha come obbiettivo l’equilibrio e l’armonia tra l’ambiente esterno, gli spazi costruiti e chi abiterà questi spazi.

Progettiamo seguendo i dettami della bioarchitettura nel rispetto dei principi della sostenibilità ambientale e della Architettura bioclimatica cercando di utilizzare al meglio gli elementi naturali del sito (sole, vento, acqua e vegetazione). A richiesta progettiamo secondo i principi del FENG SHUI. Siamo in grado di fornire un servizio “ALL INCLUSIVE” dove noi pensiamo a tutto, dal progetto alla pratica amministrativa e alla realizzazione dell’opera.

 

2.Che consigli si sentirebbe di dare a chi intende rendere la propria abitazione energeticamente più efficiente?

Rendere energeticamente più efficiente la propria abitazione vuol dire ridurre i consumi energetici e migliorare il livello di confort abitativo. A seconda del tipo di intervento che si vuole realizzare, bisogna prendere in considerazione l’isolamento termico, i serramenti esterni, gli impianti di climatizzazione, il sistema di ventilazione e i sistemi di energia rinnovabile.

E’ ovvio che tutti questi elementi possono essere presi in considerazione in caso di ristrutturazione completa dell’abitazione. Ad ogni modo va predisposto uno studio comparato tra le varie soluzioni possibili che dia indicazioni sulle spese da sostenere e sul ritorno economico dell’intervento.

 

 

3.Secondo lei, quali sono gli interventi di ristrutturazione più efficienti in tema di risparmio energetico?

In caso di ristrutturazione l’intervento più efficiente riguarda sicuramente l’isolamento termico. La cosa più importante è ridurre la dispersione termica sulle pareti esterne e sulla copertura in quanto rappresentano la maggiore superficie disperdente.

Noi consigliamo il sistema di isolamento a cappotto, cioè all’esterno della muratura. Grazie al ridotto scambio termico tra interno ed esterno dell’abitazione si attiene non solo un aumento del benessere e del confort abitativo ma anche l’eliminazione dei problemi di condensa e formazione di muffe.

Poi, bisogna intervenire sui serramenti adottando doppio vertrocamera e vetri a basso emissivo. Fondamentale è la scelta della tipologia degli impianti per la climatizzazione estiva e invernale. Interessante può essere l’utilizzo di sistemi ibridi, caldaia a condensazione e pompa di calore abbinata a pannelli fotovoltaici. Oppure bollitore abbinato a pompa di calore e pannelli solari termici.

 

4.Cosa pensa del servizio offerto alle imprese da Edilnet.it?

Mi sembra un servizio ben congegnato per il mondo dei servizi e lavori per l’edilizia . E’ un’ottima vetrina per noi professionisti del settore edile e immobiliare attraverso la quale vi è l’incontro tra aziende e professionisti da una parte e clienti dall’altra. E’ anche un’ottima occasione per gli utenti perché possono confrontare gratuitamente e senza impegno l’offerta più vantaggiosa.

Richiedi un preventivo gratutito adesso!

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ONLINE! Scopri come!
X

Richiedi Preventivi Gratuiti