Ristrutturare casa al mare, consigli e costi

Se devi ristrutturare casa al mare ecco alcuni accorgimenti che devi assolutamente sapere per ottenere un lavoro ottimale spendendo pochi soldi!

ristrutturare casa al mare
Ristrutturare casa al mare, consigli e costi
User Rating: 5 (1 votes)

Possedere una casa al mare può senza dubbio essere vantaggioso sotto molti punti vista, ma chi ha la fortuna di averne una sa bene che essa necessita di numerose cure ed attenzioni per poter essere sempre accogliente ed assicurare il massimo comfort a chi la abita. Ecco come ristrutturare casa al mare senza spendere una fortuna!

Spesso la casa al mare viene trascurata in quanto in genere utilizzata solamente alcune volte all’anno. Qualora la casa venisse abbandonata per lunghi periodi però potrebbe danneggiarsi in maniera irrimediabile e risultare poco agibile. Inoltre, assumerebbe un aspetto estremamente usurato fino a perdere parte del suo valore di mercato. Pertanto è necessario intervenire in tempo per non rischiare di trovare brutte sorprese al ritorno per le vacanze.

Non è rara la formazione di muffe e di umidità che potrebbero compromettere la permanenza nell’abitazione. Bisogna quindi agire il prima possibile e ristrutturare la propria casa al mare. Si tratta di un’operazione che, se fatta nel modo giusto, non richiede un lavoro eccessivo ed è anche poco dispendiosa da un punto di vista economico. 

 

ristrutturare casa al mare

Come ristrutturare l’interno di una casa al mare

Ristrutturare l’interno di una casa al mare risulta essere sicuramente fondamentale per potervi vivere serenamente. Il problema più comune che si verifica nella casa al mare con il quale bisogna fare i conti è senz’altro la presenza massiccia di umidità sulle pareti e sui pavimenti. ristrutturare casa al mare

Quest’ultima tende a rovinare completamente gli ambienti della casa, rendendoli poco ospitali e ricchi di muffa e condensa. Pertanto la prima operazione da compiere consiste nel pulire adeguatamente tutte le stanze.

Se si vuole agire per conto proprio è possibile adottare delle soluzioni che risultano essere abbastanza efficaci ed anche piuttosto economiche. Un primo metodo per rimuovere la muffa dalle pareti è quello di adoperare del semplice bicarbonato di sodio. Esso va diluito con abbondante acqua tiepida e spruzzato direttamente sulla zona da trattare.

Dopodiché bisogna lasciar agire per alcuni minuti e poi rimuovere il tutto con un panno morbido e inumidito. Se il bicarbonato non dovesse sortire alcun effetto è possibile utilizzare del comune aceto di vino. Anche in questo caso esso va diluito con l’acqua e poi messo sulla superficie.

Nonostante queste siano delle tecniche valide per combattere l’umidità e la muffa, è necessario ricordare che esse sono indicate prevalentemente nei casi in cui il problema non è molto grave ed interessa solamente piccole aree. Negli altri casi è comunque sempre consigliabile rivolgersi presso una ditta esperta che riuscirà ad agire in tempi brevi assicurando un risultato senz’altro soddisfacente.

 

Come ristrutturare l’esterno di una casa al mare

ristrutturare casa al mareIl maggior antagonista delle case che si trovano in prossimità del mare è senza dubbio il salmastro. Esso infatti tende a corrodere le mura dell’abitazione e a danneggiarle in modo piuttosto considerevole.

Il salmastro inoltre non è solamente antiestetico ma può causare seri danni alla casa. Per risolvere il problema è possibile rivolgersi presso una ditta di fiducia che si occupi di ristrutturare tutta la facciata esterna dell’abitazione, in modo da riportarla allo stato originale.

E’ importante poi ricordare di utilizzare dei prodotti specifici in grado di eliminare il salmastro il più a lungo possibile. In commercio ci sono tantissime soluzioni fai da te, ma se si cerca un risultato più professionale è consigliabile rivolgere ad un personale specializzato.

Oltre alla facciata esteriore poi è necessario intervenire anche su tutti gli infissi, le balaustre e tutti gli elementi in ferro della casa, i quali a lungo andare sicuramente entreranno in contatto con la salsedine e ne subiranno le inevitabili conseguenze. Meglio dunque prevenire!

Se si vuole invece rendere l’ambiente meno caldo ed afoso bisognerà operare innanzitutto sul tetto cercando di isolare la casa nel miglior modo possibile e solamente dopo si potranno installare dei comodi condizionatori.

 

Come arredare la casa al mare

Arredare una casa al mare potrebbe sembrare un compito piuttosto complesso soprattutto per i meno esperti. In realtà invece è più semplice di quanto si possa immaginare.ristrutturare casa al mare

L’obiettivo principale è sicuramente quello di rendere l’ambiente esteticamente piacevole, accogliente e soprattutto fresco. Il primo fattore da tenere in considerazione sta essenzialmente nella scelta delle tonalità da utilizzare sia per le pareti e i pavimenti, sia per i mobili ed i complementi d’arredo.

I colori maggiormente consigliati per una casa al mare sono quelli chiari, delicati e tenui. Pertanto è preferibile optare per un classico bianco o beige se si ricerca la semplicità, oppure per i colori pastello come l’azzuro cielo o il rosa candido se si vuole ottenere un effetto più particolare. Da evitare assolutamente sono invece le nuance eccessivamente cariche come il rosso fuoco, l’arancione o il verde prato.

Questi colori infatti tendono a rendere gli ambienti otticamente più piccoli e sono poco distensivi.

Per quanto concerne i materiali, essi possono variare a seconda dello stile che si vuole adottare nella propria abitazione. Se si predilige quello shabby chic è particolarmente indicato l’uso del legno ma esclusivamente di colore chiaro, in quanto conferisce raffinatezza ed eleganza senza appesantire. Se invece lo stile è più moderno e contemporaneo è possibile optare per materiali meno grezzi ma più lineari e puliti.

ristrutturare casa al marePer arredare le aree comuni come il soggiorno o la cucina è consigliabile scegliere divani in tessuto fresco come il cotone e tavolini in legno chiaro. Le fantasie più diffuse sono quelle a righe oppure quelle che richiamano elementi marini come pesci, ancore, stelle marine, coralli. In cucina non bisogna esagerare con gli elettrodomestici ma è opportuno puntare su elementi realmente utili come un frigorifero piuttosto capiente e quattro pratici fornelli. Per il tavolo è consigliabile prediligere quello di forma rotonda, anche se non mancano tavoli squadrati ed angolari.

Nelle camere da letto è meglio puntare sulla semplicità: via libera a morbidi cuscini e lenzuola bianche preferibilmente in lino o in cotone. Gli armadi devono essere non troppo imponenti ed ingombranti così come il resto dei mobili. Per i complementi d’arredo è invece possibile sbizzarrirsi tenendo sempre in considerazione il tema marino.

Sono particolarmente indicate dunque bottiglie di vetro, pietre, conchiglie, candele e lanterne da disporre qua e là per le stanze. Per l’esterno invece risultano essere molto apprezzati i mobili in vimini come sedie, tavolini e poltrone.

 

Come risparmiare sulla ristrutturazione

La ristrutturazione di una casa comporta senza dubbio un notevole dispendio economico, soprattutto se i lavori da effettuare sono particolarmente numerosi. Pertanto prima di rivolgersi ad una ditta specifica è consigliabile valutare più proposte e vagliare tra diversi preventivi per ristrutturazione casa.

ristrutturare casa al mare

In questo modo si potrà essere sicuri di aver ottenuto il prezzo migliore. Ci sono inoltre anche delle agevolazioni fiscali che consentono di risparmiare sensibilmente sulla ristrutturazione della casa al mare.

Si tratta sostanzialmente di una detrazione fiscale pari al 50% delle spese effettuate per ristrutturare la casa fino al 31 dicembre 2017 e con un limite di massimo 96.000 euro. Per i costi sostenuti invece dal 1 gennaio 2018 la detrazione fiscale sarà pari al 36%.

Richiedi un preventivo gratutito adesso!

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI DA AZIENDE SPECIALIZZATE DELLA TUA ZONA! Scopri come >>>
X

Richiedi Preventivi Gratuiti