Doccia in muratura: vantaggi e costi

doccia in muratura vantaggi e costi
Doccia in muratura: vantaggi e costi
User Rating: 2.5 (3 votes)

La doccia è un’abitudine sana e pratica di pulizia personale e di benessere. Nel bagno di qualsiasi casa c’è almeno una doccia o una vasca da bagno adibita anche a tal funzione. E’ stata inventata nel 1872 da Merry Delabost per migliorare la situazione igienica nelle carceri e s’è diffusa come pratica obbligatoria per i soldati prussiani nel 1879.

 

 

Quali tipologie di docce si conoscono?

 

La doccia può essere con o senza piatto doccia (il trend ora è la doccia a filo del pavimento senza il rialzo del piatto. Soluzione moderna e funzionale) e con pareti mobili dalle varie aperture, ad esempio: quadrate, semicircolari, ad ante scorrevoli, a battente, in plastica o in cristallo, piu’ o meno opache…

In particolare, ci vogliamo soffermare sulla doccia in muratura utilizzata spesso nelle case in stile rustico, ma che anche in quelle moderne sta trovando il suo spazio ultimamente. E’ una soluzione preziosa soprattutto in situazioni di irregolarità delle pareti, ridotto spazio o, ad esempio, per creare una divisione strategica all’interno del bagno.

Solitamente le docce in muratura sono realizzate in case di proprietà in quanto il costo è piuttosto alto rispetto a quelle di vetro plastificato e perchè non sono facilmente sostituibili una volta installate.

 

 

Perchè una doccia in muratura? I vantaggi

 

doccia in muratura con mattoniCosa è la doccia in muratura? Essa è una doccia con tre dei lati che la racchiudono realizzati in cemento impermeabilizzato e rivestito di materiale idrorepellente. Il quarto lato della doccia può rimanere aperto oppure chiuso con una tenda o un’anta di un materiale diverso cioè vetro plastificato o cristallo.

Parliamo ora in modo razionale dei pro e dei contro di questa soluzione. I vantaggi della doccia in muratura sono molteplici. Innanzitutto è piu’ versatile delle cabine doccia in cristallo o vetro plastificato che esistono in commercio, le quali sono poco adattabili a stanze irregolari (mentre quella in muratura ben si presta a ciò). Le sue pareti, inoltre possono servire come supporto per sanitari o mobili, aggiungendo funzionalità ed originalità al bagno.

Un ulteriore pro di queste docce è la pulizia, in quanto trattengono meno residui di sapone rispetto a quelle di plastica e il piatto doccia spesso è a filo pavimento: con una passata di strofinaccio è tutto pulito. Si può dire addio alle antiestetiche macchioline sulle ante che si formano immancabilmente… o comunque se ne vedranno sicuramente meno.

Pensiamo anche alla originalità della doccia in muratura sicuramente piu’ d’effetto e meno standard di un box doccia in cristallo piuttosto convenzionale. La resistenza, anche, è un fattore importante. Una doccia in muratura è molto piu resistente agli urti e all’usura.

Gli svantaggi sono che occupa qualche decina di centimetri in piu’ rispetto al box doccia, dunque il bagno meglio non sia estremamente piccolo e va collocata possibilimente in varchi o lungo il perimetro della stanza.

Inoltre la realizzazione della doccia in muratura richiede in media piu’ tempo ed un budget di solito un poco superiore rispetto ad un box doccia in vetro temperato.

 

 

Docce in muratura: tipologie e stili

 

doccia in muratura stile rusticoLo stile di una doccia in muratura è estremamente personalizzabile. Si può optare per una forma rispetto ad un’altra. Le misure sono variabili, i rivestimenti, dei quali parleremo a breve, possono spaziare in colori e forme. Ultimamente è molto trendy scegliere le sfumature del grigio, del bianco e del nero che rendono il bagno molto elegante. Ma c’è chi preferisce i colori pastello o gioca con estrose composizioni di sicuro impatto. Con una doccia in muratura la creatività e la fantasia di chiunque può essere soddisfatta.

Gli stili delle docce in muratura, si diceva, possono essere molteplici, dal moderno al classico al rustico. Uno dei pro di queste docce è sicuramente la possibilità di personalizzazione quasi totale. Ma quali sono, ad esempio, i materiali di rivestimento più utilizzati? Scopriamone alcuni assieme.

La pietra naturale è un materiale resistente agli urti e al tempo con la quale è possibile creare effetti d’arredamento suggestivi sia utilizzandola per i pavimenti che nel rivestimento delle pareti o di lavelli, docce e vasche. Essa è resistente a grandi pesi, umidità, agenti atmosferici, muffe ed insetti, ma teme i graffi, le macchie ed i licheni che si possono insediare nelle fessure.

Il cemento è un materiale che, a sorpresa, viene utilizzato sempre piu’ spesso nei bagni moderni anche accanto ad altri materiali come il legno o la pietra rendendo i bagni molto originali e raffinati.
Anche i classici ed intramontabili mattoni a vista per un bagno dal sapore vintage possono essere magistralmente accostati a materiali e nuance moderne per design accattivanti e particolari.

Lo smalto è un prodotto molto interessante in quanto estremamente versatile, con una gamma di colori decisamente ampia, economico e di facile utilizzo. Esso può essere steso anche su piastrelle vecchie nelle ristrutturazioni ed uno dei suoi vantaggi è che rende uniforme la superficie che si presenta senza fughe dunque ancor piu’ impermeabile e facile da pulire.

La resina è un materiale che troviamo sia in forma naturale che artificiale. Nell’antichità la prima veniva utilizzata per isolare le navi. Dagli anni 90 in poi nella variante artificiale è usata come rivestimento. Come lo smalto, essa ha la proprietà di far sì che la parete divenga omogenea e, per quanto riguarda i colori, c’è l’imbarazzo della scelta.

Ed ora veniamo al classico rivestimento: la piastrella o il gres porcellanato. E’ necessario avere molta accortezza nella fase della impermealizzazione delle pareti ma la scelta è sicuramente ampia sia in dimensioni che in stile. Il mosaico è tornato in auge e si sposa molto bene con i bagni moderni soprattutto nelle gradazioni del grigio.

 

 

Docce in muratura: quali i costi?

 

Il costo di una doccia in muratura dipende da diversi fattori fra cui, soprattutto, la scelta dei materiali di rivestimento. In generale, si può dire che il costo della realizzazione varia dai 500,00 € ai 2.000,00 €, ma in caso di rivestimenti molto pregiati (come ad esempio il marmo o il granito) possono anche costare molto di più. Il costo del rivestimento, in definitiva, può oscillare da alcune decine a molte centinaia di euro al metro quadrato, dipende da cosa si sceglie.

 

 

Doccia in muratura: i lavori da eseguire

 

In linea di massima, quando si vuole realizzare una doccia in muratura, si parte dalla definizione delle misure e si realizzano una o due spallette in mattoni forati o cartongesso idrorepellente. Alle pareti va applicato il materiale isolante possibilmente stendendolo dal basso verso l’altro per quel che riguarda le pareti e dall’interno verso l’esterno per il pavimento. Quindi, lo si dobvrebbe lasciare ad asciugare per almeno 24 ore.

Il passo successivo è la posa del rivestimento scelto. Dulcis in fundo ecco il momento di montare la tenda o l’anta che potete scegliere del materiale che piu’ vi piace purchè sia, ovviamente, idrorepellente.

 

 

Doccia in muratura: a cosa fare attenzione

 

Sicuramente è necessario prestare molta attenzione al fattore impermeabilizzazione delle pareti e del pavimento. Se il piatto doccia è a filo pavimento, come spesso si vede oggi, è necessario valutare in modo ottimale il risvolto della guaina idrorepellente posizionata sotto le piastrelle (solitamente almeno 20 cm).

Anche la giusta inclinazione del “piatto doccia”, se è a filo pavimento, è necessario sia ben studiata come quella della guaina di cui poc’anzi, in modo da permettere il deflusso dell’acqua ed evitare allagamenti o infiltrazioni.

 

 

Doccia in muratura: come poter risparmiare

 

Prima di avviare i lavori per realizzare una doccia in muratura, è buona norma richiedere almeno tre o quattro preventivi per farsi un’idea del costo. In questo modo si avranno a disposizione più soluzioni fra cui scegliere, anche in baso al prezzo.

La realizzazione di una doccia in muratura, se avviene nel contesto di una più ampia ristrutturazione edilizia, può beneficiare della detrazione del 50% sull’Irpef e dell’IVA agevolata al 10% (anzichè al 22%). Per poter beneficiare di questi incentivi fiscali è necessario rivolgersi a imprese edili iscritte alla Camera di Commercio e che rilascino regolare fattura. Inoltre, si dovrà fare attenzione ad effettuare i pagamenti dei lavori tramite “bonifici parlanti”, in cui risulti la descrizione dei lavori e i dati del committente e della ditta esecutrice.

 

 

Richiedi un preventivo gratuito adesso!

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ONLINE! Scopri come ➜
X

Richiedi Preventivi Gratuiti