Creare un giardino interno

Non avete spazio per un giardino esterno? Non avete un terrazzo? Non c'è problema! Se avete bisogno di verde basta allestire un giardino interno! Facile no?

Giardino interno
Creare un giardino interno
User Rating: 5 (13 votes)

Avete mai pensato di creare un giardino interno? Non è complicato, vi basterà seguire i nostri consigli. Questo tipo di giardino ha bisogno di una certa manutenzione, andiamo anche a scoprire quanto costa!

Avete una bella casa, ma vi manca qualcosa? E’ tutto troppo grigio eppure avete appena tinteggiato le pareti? Siete amanti della natura, ma non avete spazio fuori per un angolo verde? Quello di cui avete bisogno è di creare un giardino interno. Di cosa si tratta? Di un giardino costituito da fioriere, in cui si utilizza il metodo di giardinaggio tradizionale per far crescere le piante, all’interno di una stanza. Ovviamente in un giardino interno, proprio perché si sviluppa all’interno della casa, si dovranno seguire delle procedure specifiche, un po’ differenti da quelle che si utilizzano nella creazione di un giardino esterno

Giardino interno, elementi fondamentali

Innanzitutto occorre scegliere dove collocare il giardino interno. Questa scelta non può essere puramente estetica, ma deve essere anche funzionale. Il posto influirà molto sulla riuscita del giardino interno. La zona deve avere molte finestre, per poter godere della luce del sole, che è una delle componenti fondamentali e non può assolutamente venire a mancare. Occorre evitare:

  • Zone fredde.
  • Zone vicine ad un ventilatore o condizionatore.

In effetti il freddo può uccidere o rallentare la crescita delle piante, così come l’aria sparata direttamente sulle piante da un condizionatore o da un ventilatore può danneggiarle. Occorre sempre controllare le condizioni ambientali. Vi sono tre elementi fondamentali da monitorare:

  • luce;
  • acqua;
  • temperatura.

Giardino interno

Ovviamente nel giardino interno non deve mai mancare la luce solare, ogni pianta ha bisogno di ricevere un numero di ore di sole, che è differente da pianta a pianta.

Oltre alla luce naturale, che viene dalle finestre, c’è necessità di un sistema d’illuminazione artificiale. Esistono in commercio degli impianti e delle lampade specifici.

Alcune piante hanno bisogno di luci differenti, in questo caso anche le lampade dovranno essere differenti l’una dall’altra. Per quanto riguarda acqua e temperatura, il bisogno di una determinata temperatura e di una precisa quantità d’acqua con una certa frequenza, variano in base alla tipologia di vegetali.

L’importante è annaffiare le piante con regolarità, se avete paura di dimenticarlo, con tutte le cose a cui dobbiamo pensare nelle nostre vite frenetiche, allora vi conviene installare un sistema automatico, che emana acqua da tubicini all’orario in cui è programmato.

Se non scegliete un sistema sofisticato, ma uno senza troppe pretese, la spesa non sarà eccessiva. Chiedete ad un esperto per farvi un’idea del costo. 

Giardino interno

Come per la creazione di un giardino esterno, un giardino di inverno, uno sul terrazzo, uno verticale, insomma, qualsiasi giardino, anche per il giardino interno un punto cruciale è la scelta delle piante.

Prima di andare al vivaio a comprarle, dovrete farvi un piano a monte e studiare un po’ le caratteristiche dei vegetali, le condizioni ambientali di cui necessitano, la manutenzione, per capire quali siano le più adatte a voi ed alla vostra casa.

Se siete degli esperti dal pollice verde super sviluppato, potrete osare con piante più difficoltose da custodire e delicate, se così non fosse e siete alla prima esperienza cercate qualcosa di un po’ più semplice da gestire. Due elementi complementari alla pianta sono:

  • contenitore;Giardino interno
  • terriccio.

La scelta del contenitore deve essere compiuta sia in base alle caratteristiche funzionali del vaso, sia a quelle estetiche.

In commercio esistono tantissimi modelli, cercate comunque di sceglierli in armonia con l’arredamento del resto della casa. E’ preferibile acquistare contenitori con i fori per il drenaggio e, se non dovessero averli, potete fare i buchi voi stessi con un trapano.

I vasi di plastica trattengono maggiormente l’umidità, ma dal punto di vista estetico sono sicuramente migliori quelli di terracotta. Per ciò che concerne il terriccio, per prima cosa occorre sapere che non è possibile utilizzare lo stesso che si ha nel giardino esterno, poiché questo contiene componenti e magari insetti che possono danneggiare il giardino interno.

Inoltre la terra esterna non ha il giusto equilibrio di sabbia e argilla. Non preoccupatevi comunque, esiste in commercio il terriccio già pronto, adatto al giardino interno.

Quale manutenzione per il giardino interno?

Giunti a questo punto il giardino interno è praticamente fatto. Dopo aver piantato ed installato il tutto, il vostro giardino interno avrà successo solo se effettuerete la dovuta manutenzione. Essa consiste fondamentalmente nel tenere sotto controllo i tre elementi fondamentali:

  • luce: ne deve avere a sufficienza,
  • acqua: annaffiate la giusta quantità con regolarità,
  • temperatura: controllate che sia quella giusta per il vostro tipo di piante.

Oltre a questo, che è fondamentale, tenete d’occhio le piante. Nel momento in cui saranno cresciute, cambiate i vasi, prendetene di più grandi e trapiantatele. Se vi accorgerete che qualcuna sta morendo, eliminatela, potrebbe avere qualche parassita, che poi contaminerebbe le altre. Nel terriccio aggiungete il giusto fertilizzante, per assicurarvi una crescita sana e rigogliosa.

La manutenzione non è difficile, ma se non avete tempo da dedicare, prendete in considerazione l’idea di creare in casa un giardino zen, è molto elegante ed ha bisogno di pochissima cura. 

Giardino interno

Un giardino interno di erbe fresche, si può?

Molte volte capita che noi donne stiamo cucinando e al momento di aggiungere un’erba fresca, come ad esempio il basilico, ci dirigiamoGiardino interno verso il frigo, ma la sorpresa è davvero orrenda, il basilico e le altre erbe sono già appassite! Almeno una volta sarà capitato anche a voi!

Quale sarebbe un’ottima idea? Avere un giardino interno di erbe! Anche se avete poca esperienza e pochissimo spazio, l’impresa non è affatto impossibile! Far crescere le vostre erbe direttamente dentro casa è sicuramente conveniente e vi permetterà di mangiare in maniera sana.

Come abbiamo già detto, vi sono degli elementi fondamentali che devono essere monitorati, per assicurare le giuste condizioni per la crescita. Le erbe hanno bisogno di luce, 14/16 ore se si tratta di quella artificiale oppure 6, se si tratta di quella solare. La temperatura deve essere di circa 60 gradi ed è importante la circolazione dell’aria.

Un corretto flusso d’aria difende le piante da batteri e parassiti. Il terreno del giardino interno di erbe deve essere leggero e potete trovarne uno specifico nei negozi specializzati.

Anche i fertilizzanti sono diversi da quelli che sui utilizzano per l’esterno. Per evitare che i parassiti rovinino tutto, acquistate un prodotto per il giardino interno e applicatelo al primo segno d’infestazione. 

Giardino interno

Ma quanto costa creare un giardino interno?

Il giardino interno può essere economico o costoso, dipende dal vostro budget, ne esistono per tutte le tasche. La spesa si riferisce alle piante, ai contenitori, al terriccio, al sistema d’illuminazione ed ai fertilizzanti. In commercio potete trovarne tantissimi tipi, dunque il costo è davvero variabile. Comunque, tanto per darvi un’idea, vi elenchiamo il costo di alcuni componenti (con un buon rapporto fra qualità e prezzo) che potrebbero esservi utili per la creazione di un giardino interno.

Lampade a LED per coltivazione indoor: da 26,00 € a 145,00 €.

Ci sono vasi che costano 5,00 €10,00 € ed altri che arrivano a cifre davvero esagerate. Come potete vedere la scelta è veramente ampia e ce n’è per tutti i gusti e tutte le tasche.

Terriccio per piante da interni: da 10,00 € a 18,00 €.

Fertilizzanti per piante. Ovviamente i prezzi oscillano in base alla quantità e qualità di prodotto presente nelle confezioni, comunque si può dire che con una spesa compresa fra 6,00 € e 40,00 € si possono trovare fertilizzanti in grado di soddisfare qualsiasi necessità.

Ovviamente il costo per delle piante è estremamente variabile tuttavia, se volete risparmiare, sappiate che con una spesa di pochi euro potete acquistare semi di piante rare e bellissime.

Vi conviene comunque chiedere più preventivi gratuiti e senza impegno alle ditte specializzate della vostra zona, che vi installeranno il giardino interno comprensivo di tutti gli elementi. Essendo le aziende in concorrenza tra loro, il prezzo sarà sicuramente ribassato e riuscirete a risparmiare. Forza allora, chiedere non costa nulla! 

NOTA: tutte le informazioni, i prezzi, i costi da noi forniti hanno carattere puramente indicativo.
Ogni prezzo è variabile per condizioni economiche, di tempistiche, di mercato e di località.

Richiedi un preventivo gratutito adesso!

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ONLINE! Scopri come!
X

Richiedi Preventivi Gratuiti