Come trasformare la vasca da bagno in doccia

Come trasformare la vasca da bagno in doccia? L'operazione è più semplice di quanto pensi. Avrai così l'opportunità di beneficiare dei vantaggi della doccia

da vasca a doccia
Come trasformare la vasca da bagno in doccia
User Rating: 5 (4 votes)

Lo stile di vita contemporaneo, che è molto frenetico e ci induce ad andare sempre di corsa, ha portato molte famiglie italiane a modificare alcune abitudini un tempo radicate. Per questo moltissime persone decidono di cambiare, è importante dunque capire come trasformare la vasca da bagno in doccia.

da vasca a doccia

Se in passato nella stanza da bagno era usuale installare una vasca da bagno, all’interno della quale rilassarsi restando in ammollo anche per molto tempo, oggigiorno si preferisce invece la più pratica e funzionale doccia.
La doccia presenta molti vantaggi, oltre alla praticità: consente di consumare meno acqua e può essere usata con facilità anche da chi ha problemi di deambulazione per via di infermità o dell’età avanzata. Inoltre, esistono dei box doccia super accessoriati, con cromoterapia e idromassaggio, che consentono di poter fruire in casa di una vera e propria piccola spa domestica.
Insomma, optando per il box doccia non è detto che si debba rinunciare al relax e al benessere di un bagno caldo. Ma se nella stanza da bagno c’è già una vasca, come si può procedere per sostituirla con un box doccia? Le opzioni sono due, con vari pro e contro. Si può optare per il fai da te, oppure rivolgersi ad una ditta specializzata.

Materiali ed attrezzi per la sostituzione vasca con doccia

da vasca a doccia

Se si possiede una buona manualità, e si vuole risparmiare sul costo della manodopera, non si deve fare altro che procurarsi tutta l’attrezzatura adatta e mettersi al lavoro per effettuare la sostituzione vasca con doccia.

Ciò che occorre sono, in primis, scalpello e martello: infatti l’operazione preliminare da compiere consiste nello smurare la vasca esistente.
La vasca potrebbe essere ricoperta da piastrelle e quindi completamente murata, oppure solo appoggiata: in quest’ultimo caso il lavoro da fare sarà molto più semplice e veloce.
Poi occorrono le tubature per l’acqua, poiché sarà necessario fare una prolunga in modo tale da connettere la rete idrica esistente con il sifone della doccia.

Indispensabili sono il silicone e il poliuretano, che servono ad isolare e sigillare, oltre ai guanti da indossare per poter lavorare in assoluta sicurezza. Infine, occorrono i pezzi da sostituire, ovvero il piatto doccia e il box doccia, delle stesse dimensioni del piatto.
I materiali di cui sono fatti queste componenti sono i più svariati. Il piatto, ad esempio, può essere scelto nella tradizionale ceramica, ma se ne trovano in commercio anche in resina o materiali acrilici.
Il box doccia può essere in vetro, o in plastica trasparente.

Esistono inoltre dei box fatti con materiali innovativi che evitano la formazione di incrostazioni di calcare; oppure quelli in policarbonato
Il vetro può essere completamente trasparente o smerigliato. Tutte queste varianti dipendono dal gusto personale.

Opzionalmente, potrebbero essere necessarie delle piastrelle, nel caso in cui il rivestimento della aperte o del pavimento si rompa durante l’operazione di rimozione della vasca.
Se non si possiedono più le piastrelle usate in origine per rivestire la stanza da bagno, basta sceglierne delle nuove che abbiano un colore che si sposi con quelle già esistenti, o che al contrario lo completi per contrasto.

Sostituire vasca con doccia, le fasi

come trasformare una vasca da bagno in doccia

Ma come si procede in pratica per sostituire la vasca da bagno con un box doccia? Come dicevamo, la prima operazione consiste nel rimuovere la vecchia vasca adoperando lo scalpello e il martello. Quando la vasca è libera va tolta dal suo alloggio e la platea sulla quale andrà installato il piatto doccia deve essere ripulita in modo approfondito e accurato.
A questo punto sul pavimento si avrà una zona rettangolare da riempire, e si può procedere in diversi modi:

  • Si posiziona un box doccia più piccolo e si ripavimenta il resto
  • per evitare di dover pavimentare una parte dell’area in cui si trovava la vasca, si possono acquistare le platee che includono nel piatto doccia anche un ripiano sul quale poter posizionare la lavatrice, o un mobiletto per il bagno. Questa soluzione è molto pratica perché più veloce e facile da adottare.
  • Come terza alternativa si può scegliere un piatto doccia delle stesse dimensioni che aveva la vasca, in modo tale da avere uno spazio molto comodo in cui poter fare la doccia anche in due contemporaneamente.

Prima di procedere con il posizionamento del piatto doccia, bisogna pensare alle tubazioni dell’acqua. Infatti è necessario riposizionare i vari collegamenti in base alle necessità specifiche dettate dal box doccia che si è acquistato.

Questa è una fase molto delicata, a cui bisogna prestare molta attenzione. Dei collegamenti fatti in modo approssimativo, o uno scarico non ben connesso, potrebbero creare in futuro perdite d’acqua molto complicate da rimediare.

Una volta portata a termine questa ulteriore fase del lavoro, e una volta posizionato il braccio doccia, si può mettere a terra il piatto. Il piatto va inserito con cura, dopo essersi sincerati che sia ben dritto usando la livella, e sigillato con i materiali appositi.

Dopo aver isolato la parete con dei pannelli o con uno strato di materiale isolante che protegga i muri di casa dall’umidità, si procede con l’installazione del box.

Il box va fissato con delle guide al piatto e fatto aderire con precisione alla parete. Infine si posizionano tutti gli accessori di cui il box è corredato. 

 come trasformare una vasca da bagno in doccia

Quanto costa trasformare la vasca da bagno in doccia?

 

come trasformare una vasca da bagno in docciaIl costo di tutta l’operazione ovviamente varia a seconda che si decida di trasformare la vasca in doccia con il fai da te, o che si chiami del personale specializzato, ed anche in base al tipo di box doccia che si intende installare.
Il prezzo può oscillare in modo decisamente sensibile, da poche centinaia di euro a oltre mille euro. Quando si decide se operare con il fai da te o rivolgendosi ad un esperto ci sono tanti diversi fattori da considerare.
Se è vero che con il fai da te si risparmia, bisogna però essere certi che non si presentino inconvenienti di varia natura che potrebbero far lievitare i costi tanto da vanificare il risparmio ottenuto con l’esclusione della manodopera specializzata.
L’aspetto più delicato nella sostituzione di una vasca con un box doccia è quando si devono posizionare gli scarichi e gli attacchi dell’acqua: se la casa è vecchia, e le tubazioni lo sono a loro volta, potrebbe essere necessario sostituirle per evitare problemi in futuro.
Se si danneggiano le piastrelle del pavimento o della parete, potrebbe rendersi necessario l’intervento di un piastrellista professionista. Da non sottovalutare, poi, il fattore tempo. In una casa dove ci sia una sola stanza da bagno rendere questo ambiente inagibile per lungo tempo potrebbe diventare davvero disagevole.

Se si opera in autonomia le tempistiche potrebbero protrarsi molto a lungo; viceversa ci sono ditte che garantiscono l’ultimazione di tutto il lavoro in sole otto ore di tempo, e a costi molto ridotti.
Un ultimo aspetto da tenere presente è lo smaltimento dei rifiuti.
La vecchia vasca rimossa e ogni materiale che deriva dalla sua rimozione devono infatti essere smaltiti seguendo delle normative ben precise. Se ci si rivolge ad una ditta specializzata saranno gli addetti a pensare a tutto.
Tornando a considerare poi il costo dei vari tipi di box doccia che si possono trovare in commercio, si capisce come esso possa variare in modo anche sensibile. Non è solo il materiale utilizzato ad influenzare il prezzo di un box doccia, ma anche e soprattutto gli optional di cui si parlava all’inizio.
Se si va ad installare una doccia idromassaggio, la cromoterapia, o altre funzionalità aggiuntive simili, sicuramente costerà di più rispetto ad un box semplice. Inoltre richiederà anche l’intervento di un elettricista per la sua installazione.
Quando si valuta la sostituzione della vasca con il box doccia però, in via preliminare, bisogna sempre informarsi bene circa le eventuali detrazioni fiscali per sostituzione vasca con doccia di cui si potrebbe godere, per lavori di ristrutturazione o di abbattimento di barriere architettoniche.

Ad ogni modo è sempre consigliabile richiedere più preventivi gratuiti e senza impegno alle aziende esperte in sostituzione vasca-doccia. In questo modo sarà possibile scegliere la migliore offerta e riuscire a risparmiare.

Richiedi un preventivo gratutito adesso!

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ONLINE! Scopri come!
X

Richiedi Preventivi Gratuiti