Come ristrutturare casa, i 5 punti da cui partire

Se ti stai chiedendo come ristrutturare casa ed hai paura di sbagliare, tranquillo! Con i nostri consigli otterrai una ristrutturazione a regola d'arte!

ristrutturare casa
Come ristrutturare casa, i 5 punti da cui partire
User Rating: 5 (11 votes)

Stai per iniziare a ristrutturare casa? Per partire con il piede giusto e capire fin da subito come ristrutturare casa in maniera ottimale ti consiglio di seguire 5 consigli che ti aiuteranno sia che tu voglia ristrutturare casa fai da te, sia che preferisca affidare i lavori ad un’impresa edile e richiedere dei preventivi per ristrutturazione. In questo modo non avrai problemi e riuscirai persino a risparmiare!

ristrutturare casa

  • Tipologia di lavori, quali effettuare?

Il primo passo da compiere quando si decide di ristrutturare casa è schiarirsi le idee sul da farsi. Devi riflettere su cosa vuoi andare a compiere, sul tipo di ristrutturazione.
Il rifacimento può essere integrale o parziale. Nel primo caso si effettuano tutti i lavori, a partire dalla demolizione fino ad arrivare alla ricostruzione totale.
Nel secondo caso invece verranno effettuati interventi soltanto su alcuni ambienti della casa, come ad esempio la ristrutturazione del bagno, oppure verranno modificati solo alcuni elementi. Se ad esempio la tua vecchia cucina ti ha stancato e vorresti installare una bella cucina in muratura nuova di zecca andrai ad operare soltanto in questa stanza. Se invece la tinteggiatura della casa è la stessa da anni e c’è bisogno di rinnovarla, andrai a lavorare in tutta la casa, ma cambiando solo questo elemento.
Sia che tu voglia optare per una ristrutturazione totale o che preferisca un rifacimento parziale, è importante che alla fine dei lavori, risultino immutate la volumetria e la metratura.

ristrutturare casa

La scelta della tipologia di lavori è strettamente connessa con le esigenze di chi abita l’appartamento. I bisogni di una famiglia numerosa, che possiede animali domestici, non saranno gli stessi di un single, che trascorre gran parte della giornata a lavoro.

L’arredo ad esempio avrà caratteristiche ben differenti. Una persona adulta magari potrà permettersi di optare per un arredamento di lusso, potrà decidere d’installare un parquet da 200 € al mq, mentre questo sarà sconsigliato qualora tu abbia dei bambini in casa o magari un cane che adora correre spensierato per il corridoio.
Il consiglio dunque è di scegliere gli elementi della casa non soltanto in base ai tuoi gusti, ma cercando di valutare ciò che più sia consono al tuo stile di vita.

  • Il budget disponibile

Sappiamo benissimo che una ristrutturazione edilizia aumenterà il valore dell’immobile. Senza ombra di dubbio questa verrà affrontata in maniera differente qualora tu voglia rinnovare per poi vivere nella casa, o invece stia per effettuare i lavori per rivendere subito l’immobile. Le scelte saranno differenti, ma in tutti e due i casi l’operazione porterà ad un guadagno economico, questo è poco ma sicuro.

E’ importante però essere coscienti che c’è ristrutturazione e ristrutturazione. Questo per dire che potrai trasformare il tuo alloggio facendolo diventare come quelle splendide case di lusso che appaiono in televisione, oppure accontentarti di una casa modesta. Cosa farà la differenza? Il budget disponibile!ristrutturare casa

In commercio troverai elementi a prezzi molto differenti, partendo dai materiali per pavimenti e rivestimenti, sanitari e rubinetterie fino ad arrivare alla mobilia. Per questo è bene che tu sappia fin da subito quale sia la cifra esatta che potrai investire nella ristrutturazione edilizia così da non trovarti a metà dei lavori senza un soldo!

Per questo motivo è importante eliminare fin da principio i preventivi che non sono alla nostra portata e scegliere invece il preventivo più consono alle nostre tasche. Bada bene che il preventivo venga effettuato dopo un accurato sopralluogo e che questo sia del genere ‘tutto compreso‘, così da non avere sorprese strada facendo.

  • Il progetto casa e la burocrazia

ristrutturare casa

Una volta chiarite le idee su che tipo di ristrutturazione edilizia si andrà ad effettuare e su quale sia il budget disponibile, si passa finalmente all’elaborazione del progetto casa.
Il progetto dovrà essere redatto a regola d’arte. Qualora il budget lo permetta, sarebbe meglio farlo elaborare ad un tecnico specializzato, che saprà ottimizzare al meglio gli spazi, mettendo in campo la sua esperienza. In alternativa, potresti occupartene tu stesso, solo nel caso in cui tu ti senta pratico in materia e voglia azzardare una ristrutturazione fai da te.

Per alcune tipologie di lavori sarà necessario consegnare il progetto accompagnato da un particolare documento al comune di riferimento. La burocrazia è sempre un po’ intricata, dunque fatti consigliare dal tecnico specializzato oppure chiedi informazioni all’ufficio tecnico.

Per farti un’idea di ciò di cui stiamo parlando è bene sapere che i documenti richiesti sono:

  1. scia, segnalazione certificata d’inizio attività
  2. cil, comunicazione d’inizio lavori
  3. cila, comunicazione inizio lavori asseverata
  4. permesso di costruire.

La scia va presentata per interventi di edilizia leggera, non devono essere modificati prospetti, superfici, sagoma e volume. Inoltre non deve assolutamente cambiare la destinazione d’uso.

Dopo averla presentata, i lavori possono essere iniziati immediatamente e poi la pubblica amministrazione avrà 60 giorni per controllare che tutto sia in regola.

La cil è richiesta per gli interventi di manutenzione straordinaria, che non cambino volume, superfici e destinazione d’uso. Anche in questo caso i lavori possono avere inizio nell’immediato.

La cila va presentata per gli interventi di manutenzione straordinaria senza intervento nelle parti strutturali dell’edificio.

Il permesso di costruire è per i lavori con aumento delle unità immobiliari, cambio di volumi, superfici, sagoma, prospetti oppure di destinazione d’uso.

Questi, a grandi linee, i documenti da presentare per una ristrutturazione edilizia. Ovviamente esistono anche interventi che non necessitano di nulla.

  • Le detrazioni per ristrutturazione

Stiamo cercando di capire come ristrutturare casa in maniera ottimale, senza commettere errori. Il prossimo punto fondamentale è calcolare l’effettiva spesa, considerando anche le agevolazioni fiscali per ristrutturazione casa.
La legge di stabilità prevede degli incentivi per chi decide di effettuare una ristrutturazione edilizia ed è stata prorogata fino a dicembre 2016. Le principali detrazioni fiscali riguardano:

  1. ristrutturazione edilizia, incentivo del 50%ristrutturare casa
  2. riqualificazione energetica, bonus energia del 65%
  3. adeguamento sismico, incentivo del 65%
  4. acquisto dei mobili, bonus mobili del 65%
  5. iva agevolata 10%.

Se ad esempio stai pensando di ristrutturare per avere un risparmio energetico, godrai del bonus del 65%. In questo modo il risparmio è doppio: risparmierai sui lavori e successivamente in bolletta. Per questo motivo non devi farti sfuggire quest’occasione.
E’ importante per avere diritto a queste agevolazioni, pagare l’impresa edile con un bonifico parlante ed inserire nella causale del bonifico l’indicazione dell’incentivo completa di percentuale.

  • L’impresa edile, quale scegliere?

Siamo giunti al fatidico momento della scelta dell’impresa edile che si occuperà dei lavori. Il consiglio è di non fermarti alla prima offerta. Bisogna sempre richiedere più preventivi per ristrutturazione a ditte differenti per rendersi conto fino in fondo di chi sia il professionista che più fa al caso nostro.
Ogni ditta dovrà effettuare un sopralluogo per rendersi conto dell’entità del lavoro e per poter proporre un prezzo preciso.
Mediamente una ristrutturazione costa da 350 a 600 € al mq, ma poi c’è da capire quali materiali saranno usati e come verrà effettuato nello specifico l’intervento.
La spesa varia in base alla qualità dei materiali, al prezzo che l’impresa fa per la manodopera ed anche alla località in cui è situato l’immobile. Ristrutturare una casa al nord Italia mediamente costa di più che al sud.ristrutturare casa

Quando andrai ad analizzare il preventivo controlla anche che sia indicata la data di fine lavori, soprattutto qualora tu abbia una scadenza per un qualsiasi motivo e sia obbligato a rispettare un termine. Inoltre è sempre importante sapere per quanti giorni avrai gli operai in casa.

Prima di scegliere l’impresa edile potresti anche chiedere di poter visualizzare foto e video di precedenti lavori realizzati, questo sarebbe utile per vedere solitamente come lavora l’azienda. Il massimo sarebbe anche leggere delle recensioni di chi già è stato cliente di quella ditta.

Si può finalmente partire con la ristrutturazione, salvo imprevisti, non ci dovrebbero essere spiacevoli sorprese!

Richiedi un preventivo gratutito adesso!

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ONLINE! Scopri come!
X

Richiedi Preventivi Gratuiti