Box doccia: quali i prezzi?

box doccia quali i prezzi
Box doccia: quali i prezzi?
User Rating: 5 (5 votes)

Box doccia o vasca da bagno? Quando non si possono installare entrambi, magari per esigenze di spazio, la scelta dovrebbe ricadere sul primao. Ecco qualche consiglio per scegliere il miglior box doccia, un elenco utile delle tipologie e dei materiali utilizzati, e una panoramica dei prezzi.

 

Box doccia: i vantaggi

 

box doccia cristalloSe si possiedono due bagni, oppure solo uno ma abbastanza spazioso, non serve scegliere: è possibile installare sia il box doccia che la vasca da bagno. In caso contrario, è necessario prendere una decisione. Dunque: box doccia o vasca da bagno? Sono vari i motivi che fanno pendere l’ago della bilancia per il primo piuttosto che per la seconda.

  • Spazio ridotto. Il box doccia, questo è evidente anche all’occhio di un profano, occupa meno spazio rispetto a una vasca da bagno, comprese quelle a sedile. Il box doccia è l’ideale per i bagni piccoli, che così possono essere valorizzati con un arredamento completo, frutto di una scelta più libera.
  • Pulizia rapida. Lavare la vasca da bagno può essere un’attività faticosa, anche perché i materiali con la quale è realizzata tendono a formare il calcare. Viceversa, pulire il box doccia è veramente semplice: è sufficiente una spruzzata di acqua e un po’ di detergente, anche una volta alla settimana.
  • Prezzo accessibile. A prescindere dal costo del box doccia in sé, che può essere più o meno alto a seconda dei materiali scelti, dei modelli e del grado di raffinatezza del design, essa si caratterizza per un processo di installazione più agevole, che si traduce in un costo per la manodopera nettamente più basso.

 

 

Box doccia: tipologie e materiali

 

Il box doccia rappresenta una valida alternativa alla vasca da bagno, visti i vantaggi appena elencati. Tuttavia, le scelte non finiscono qua. Occorre decidere quale box doccia installare. Essi infatti si differenziano per tipologia e per materiale. Queste sono le tipologie.

  • Box doccia di nicchia. La cabina è incassata nella parete e crea uno spazio circoscritto e privato.
  • Box doccia angolare. La cabina è installata in un angolo del bagno, in modo da ottimizzare lo spazio.
  • Box doccia a centro parete. Come si evince dal nome, è situato aderente alla parete ma al centro della stanza.
  • Box doccia aperto. Questa tipologia massimizza l’area riservata alla doccia, è molto semplice da pulire e si caratterizza per un design minimal.
  • Box doccia con porta battente. La porta, che ruota sui cardini, conferisce maggiore comfort alla cabina doccia.
  • Box doccia con porta scorrevole. E’ l’ideale per i bagni più piccoli, in quanto la porta si incassa nelle pareti della cabina e non occupa spazio.

I materiali invece sono questi.

  • Acciaio. Utilizzato naturalmente per il telaio, conferisce resistenza alla struttura e riduce le esigenze di manutenzione (è inossidabile). Di contro, essendo poco malleabile offre meno possibilità in termini di design.
  • Alluminio. Questo materiale, utilizzato anch’esso per il telaio, pone in essere un ampio margine di discrezione in termini di design. Tuttavia, necessita di manutenzione in quanto a rischio ossidazione.
  • Plastica. Utilizzata per le pareti, si caratterizza per un costo molto basso. La funzionalità è buona. Le possibilità dal punto di vista estetico sono sufficienti, ma non eccezionali.
  • Cristallo. Materiale utilizzato per le pareti, è l’ideale per chi vuole conferire valore estetico al proprio box doccia: vanta una eleganza naturale e, in più, può essere decorato. Offre tuttavia minori garanzie di sicurezza in quanto si può rompere, per quanto la variante temperata riduca al minimo la pericolosità in caso di rottura (si frantuma in pezzi piccoli e non taglienti). Inoltre costa di più.

 

 

Box doccia: quale scegliere?

 

box doccia angolareScegliere il box doccia giusto, alla luce delle tante tipologie in circolazione, non è sempre facile. Ecco qualche criterio da prendere in considerazione.

  • Spazio. Come abbiamo visto, alcune tipologie occupano meno spazio di altre. Se lo spazio è poco, è bene scegliere un box doccia a porta scorrevole, o addirittura aperto.
  • Esigenze di design. Se l’obiettivo è conferire valore estetico al bagno anche attraverso il box doccia, è bene prediligere materiali quali l’acciaio (per il telaio) e il cristallo (per le pareti).
  • Possibilità economiche. Se escludiamo il box doccia a nicchia, i prezzi cambiano poco da tipologia a tipologia. Discorso diverso per i materiali. Se la disponibilità è ridotta, è bene prediligere i modelli in alluminio e plastica.

 

 

 

Box doccia: le fasi dell’installazione

 

L’installazione del box doccia è un’attività che compete agli esperti, al personale specializzato. A meno che non si possiedano reali competenze in merito e una certa esperienza, il fai da te è altamente sconsigliato. Ad ogni modo, per riservarsi la possibilità di sovrintendere i lavori – e verificarne la qualità – è bene conoscere in che cosa consiste l’installazione. Ecco le fasi principali.

  • Posizionamento e fissaggio dei profili a U sulle parati mediante viti autosfilettanti.
  • Inserimento degli angolari ad incastro nei profili in un lato della cabina.
  • Congiungimento dei due lati della cabina. Contestualmente, incastro degli stessi negli angolari.
  • Foramento del profilo al livello dell’angolare.
  • Avvitamento delle viti di fermo in tutti e due i lati della cabina.
  • Inserimento delle guarnizioni sui lati fissi della cabina.
  • Posizionamento della struttura della cabina sul piatto della doccia.
  • Assemblaggio delle maniglie.
  • Inserimento dei cuscinetti di scorrimento.
  • Assemblaggio dei sistemi di sgancio delle porte.
  • Inserimento delle ante.

 

 

Box doccia: quali i prezzi

 

Ecco i prezzi, divisi per tipologia, di un box doccia di media qualità (con telaio in alluminio/acciaio e le pareti in plastica). Nel caso si optasse per il cristallo, occorrerebbe prendere in considerazione una maggiorazione del 20%.

  • Box doccia a nicchia: da 140 € a 240 €
  • Box doccia angolare da 180 € a 400 €
  • Box doccia a porta battente: da 180 € a 400 €
  • Box doccia a porta scorrevole: 220 € a 420 €
  • Box doccia centro parete: da 260 € a 500 €
  • Messa in posa: da 250 € a 350 €

 

 

Box doccia: come poter risparmiare?

 

Come abbiamo visto, il box doccia può costare parecchio. Risparmiare, però, è possibile. E’ sufficiente, spesso, agire sui preventivi. Un’azienda che si rispetti ha il dovere di fornire una ipotesi di costo, se richiesta, meglio ancora se un preventivo dettagliato. Dunque, vi è veramente la possibilità di studiare più preventivi e scegliere quello che corrisponde al miglior rapporto qualità-prezzo. In linea di massima, si può prendere una decisione con cognizione di causa dopo aver comparato tre o quattro preventivi.

Ovviamente, ciò vale essenzialmente per la messa in posa. I prezzi dei box doccia, infatti, sono in genere presenti nei listini. In questo caso, il consiglio è non fermarsi al primo box che incontra il proprio gusto, ma prendersi del tempo per visualizzare e analizzare tutte le offerte a disposizione.

 

Richiedi un preventivo gratutito adesso!

OTTIENI 4 PREVENTIVI GRATUITI ONLINE! Scopri come ➜
X

Richiedi Preventivi Gratuiti