Agevolazioni fiscali ristrutturazione casa

Ristrutturare da oggi non è più impossibile. Combinando le agevolazioni fiscali ristrutturazione casa con la scelta di un'impresa conveniente, si risparmia!

Agevolazioni fiscali
Agevolazioni fiscali ristrutturazione casa
User Rating: 5 (18 votes)

Al fine di rilanciare il settore dell’edilizia, e di avvantaggiare quanti desiderano ristrutturare casa, lo Stato ha predisposto tutta una serie di agevolazioni fiscali ristrutturazione casa ed immobili. Esploriamo insieme questo mondo di opportunità!

agevolazioni fiscali ristrutturazione casa

La detrazione IRPEF al 50% per i costi di ristrutturazione casa

Chi ha deciso di effettuare interventi di ristrutturazione per la propria casa, o per parti comuni di edifici residenziali, può beneficiare di una detrazione IRPEF relativa ai costi sostenuti per la realizzazione di questi interventi. Nello specifico:

  • Si potrà beneficiare di una detrazione del 50% per le spese sostenute fra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2016, con un tetto massimo di 96000,00 euro per ogni immobile.
  • La detrazione ammissibile sarà, invece, del 36% – per un limite di 48.000,00 euro – per lavori di ristrutturazione eseguiti a partire dal 2017. Tuttavia, sembrerebbe che la prossima Legge di Stabilità 2017 vedrà una proroga della detrazione al 50% anche per l’anno prossimo, con un’ipotesi di estensione fino al 2019.

Questa agevolazione fiscale per la ristrutturazione di casa si applica a tutte le spese sostenute nel corso dell’anno e deve essere ripartita fra tutti coloro che hanno partecipato alle spese di ristrutturazione. Nel caso in cui i costi di ristrutturazione sostenuti nel corso dell’anno siano riferibili alla prosecuzione di lavori iniziati in anni precedenti, si potrà accedere alla detrazione IRPEF al 50%  solo nella misura in cui non si sia oltrepassato il limite dei 96.000,00 euro.

Nel caso in cui gli interventi di ristrutturazione abbiano interessato le parti comuni di un condominio si potrà accedere all’agevolazione per l’anno in cui è stato fatto il pagamento dei lavori da parte dell’amministratore di condominio, facendo fede la data in cui è stato effettuato il bonifico in favore della ditta o delle imprese che hanno eseguito i lavori. In questo caso, ogni singolo condomino potrà beneficiare della detrazione Irpef al 50% per la quota di sua pertinenza, a patto che l’abbia effettivamente pagata al condominio prima della scadenza dei termini per presentare la dichiarazione dei redditi.

La detrazione Irpef al 50% (o al 36%) verrà suddivisa in 10 quote annuali dello stesso importo, partendo dall’anno in cui si sono sostenuti i costi della ristrutturazione casa. Si deve notare che ogni contribuente potrà portare in detrazione una quota non eccedente l’Irpef dovuta per l’anno in questione: volendo essere più chiari si può, sostanzialmente, dire che non è possibile chiedere il rimborso per somme superiori all’imposta dovuta.

Possono beneficiare di agevolazione, oltre che i proprietari degli immobili, anche quanti – a qualsiasi titolo – godono di diritti reali sugli stessi e ne pagano le spese.

Inoltre, può beneficiare della detrazione pure il familiare convivente del proprietario o del titolare del diritto di godimento, a condizione che ne sostenga le spese e che bonifici e fatture siano intestati a suo nome.

Da notare, anche, che i servizi prestati e i materiali acquistati nel quadro di una ristrutturazione edilizia agevolabile ai fini Irpef sconteranno un’aliquota IVA agevolata al 10%.

agevolazioni ristrutturazione casa
La detrazione IRPEF al 50%: per quali tipologie di lavori

Sono ammissibili alla detrazione Irpef al 50%, le spese sostenute per i seguenti interventi di:

Manutenzione ordinaria – Per quanto concerne gli interventi di manutenzione ordinaria (come ad esempio la riparazione o la sostituzione delle finiture, la sostituzione di pavimenti e serramenti o il mantenimento in efficienza degli impianti esistenti) possono essere ammessi al beneficio solo quegli interventi che riguardano le parti comuni dei condomini. In questa circostanza ogni condomino potrà beneficiare dell’agevolazione in base alla propria quota millesimale.

Manutenzione straordinaria – Secondo le disposizioni del DL 133/2014 sono interventi di manutenzione straordinaria tutte quelle opere e modifiche volte al rinnovo e alla sostituzione anche di componenti strutturali di una casa o di un edificio.

Inoltre, in una manutenzione straordinaria, rientrano pure gli interventi di realizzazione o miglioramento dei bagni e degli apparati tecnologici, purchè la volumetria dell’immobile non subisca mutamenti e non vi siano cambiamenti nella destinazione d’uso. Pure il frazionamento o l’accorpamento di diversi immobili rientrano nella categoria delle manutenzioni straordinarie e sono ammissibili a beneficiare della misura di agevolazione, a patto che le volumetrie complessive non siano alterate e che siano mantenute le originarie destinazioni d’uso.

Restauro e risanamento conservativo – in questa categoria rientrano tutte quelle opere volte alla conservazione di un edificio tramite interventi che ne assicurino una corretta funzionalità nel rispetto delle caratteristiche strautturali, formali e tipologiche. Alcuni esempi di interventi di restauro e risanamento conservativo ammessi al beneficio della detrazione Irpef al 50% possono essere l’adeguamento delle altezze dei solai o il recupero di situazioni di degrado.

Ristrutturazione edilizia – il legislatore individua come “ristrutturazioni edilizie” tutti quegli interventi che possono portare addirittura alla trasformazione di un immobile: demolizioni seguite da fedeli riscostruzioni (cioè senza incrementi di volumetrie e cubature), modifiche delle facciate, realizzazione di verande e balconi sono tutti esempi di possibili ristrutturazioni edilizie che possono beneficiare, nel quadro delle agevolazioni per la ristrutturazione della casa, della detrazione del 50% ai fini Irpef.

Oltre alle spese relative alle realizzazioni di autorimesse pertinenziali, installazione di ascensori, eliminazione di barriere architettoniche, rifacimento di servizi igienici e impianti – solo per citare alcuni esempi – è possibile portare in detrazione anche le spese effettuate per la progettazione e il ricorso a professionisti, per l’acquisto dei materiali e per gli oneri e le imposte comunali.

casa

Agevolazioni fiscali per la ristrutturazione della casa. La maggior detrazione IRPEF per l’adeguamento antisismico

Data la particolare natura del nostro territorio e gli ultimi eventi che si sono verificati nel Centro Italia il legislatore ha previsto, nell’ambito di tutte le agevolazioni fiscali per la ristrutturazione della casa, la possibilità di una maggior detrazione ai fini Irpef qualora l’intervento di ristrutturazione sia finalizzato all’adozione di misure antisismiche volte a proteggere case site in zone ad alto rischio (zone di rischio sismico 1 e 2).

agevolazioni fiscali ristrutturazione casaL’attuale impianto di questa agevolazione per l’adeguamento antisismico di prime case e costruzioni adibite ad attività produttive prevede la possibilità di beneficiare di una detrazione IRPEF o IRES al 65%, fino a un massimo di 96.000,00 euro, per le spese sostenute fra l’agosto 2013 e il dicembre 2016.

Sembra cosa certa che la prossima Legge di Stabilità 2017 riconfermerà e, anzi, potenzierà la portata di questa misura. Infatti, stando alle informazioni attuali, sembrerebbe che la ripartizione delle quote da portare in detrazione potrà avvenire in 5 anni invece degli attuali 10 mentre l’aliquota detraibile potrebbe essere innalzata fino al 75% o 80%.

Inoltre, sembrerebbe che la portata della misura sarà estesa anche alle seconde case. I criteri per l’individuazione dei soggetti che possono beneficiare della detrazione al 65% per l’adeguamento antisismico sono gli stessi che abbiamo visto per la detrazione concessa per le ristrutturazioni edilizie. Ovviamente anche in questo caso si potrà beneficiare di un’aliquota IVA agevolata al 10% relativamente a parte dei servizi e dei materiali utilizzati per la realizzazione dei lavori.

Adempimenti per poter beneficiare delle detrazioni IRPEF per la ristrutturazione casa e l’adeguamento antisismico

 

Ovviamente, per poter beneficiare delle agevolazioni previste per gli interventi di ristrutturazione casa e di adeguamento antisismico, bisogna adempiere ad alcune formalità burocratiche e mantenere prova di tutti i giustificativi di spesa.

Nello specifico si dovranno indicare, in sede di dichiarazione dei redditi, tutti i dati catastali relativi all’immobile e, inoltre, sarà necessario:

Inviare una comunicazione all’ASL di competenza – E’ necessario fornire all’ASL competente per il territorio le seguenti informazioni:

  • il nome di chi ha commissionato i lavori di ristrutturazione e l’ubicazione dell’immobile,
  • tipologia e natura dei lavori che si andranno ad eseguire,
  • i dati dell’azienda che andrà a svolgere i lavori con allegata una dichiarazione relativa al rispetto della normativa in materia di contribuzione e sicurezza sul lavoro
  • la data di inizio dei lavori.agevolazioni fiscali ristrutturazione casa

Pagamento per mezzo di bonifici “parlanti” – Per poter giustificare le spese sostenute per gli interventi di ristrutturazione casa è indispensabile che queste siano state pagate con bonifici bancari (o postali) “parlanti”. Per poter essere definito “parlante” un bonifico deve contenere le seguenti informazioni:

  • nella causale vi deve essere il riferimento alla norma di cui si intende beneficiare,
  • il codice fiscale di chi si avvarrà della detrazione,
  • il numero di partita IVA o il codice fiscale del beneficiario del pagamento.

Sono esentate dal pagamento con bonifico “parlante” tutte quelle spese che non è possibile pagare con questo strumento come, ad esempio, le imposte di bollo e gli oneri di urbanizzazione.

Conservare tutta la documentazione – oltre alle ricevute dei bonifici dovranno essere conservate tutte le ricevute fiscali o le fatture relative alle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione. Questa documentazione dovrà essere resa sempre disponibile per qualsiasi controllo.

Qualora i lavori di ristrutturazione abbiano interessato le parti comuni di un condominio sarà sufficiente che l’amministratore del condominio rilasci, a tutti i beneficiari, una sua dichiarazione in cui afferma di aver adempiuto a tutti gli obbighi di legge e che specifichi l’importo che ogni singolo condomino può portare in detrazione.

Ulteriore documentazione –  per poter accedere ai benefici dell’agevolazione si deve anche essere in possesso della seguente documentazione:

  • se la casa non è stata ancora censita si deve poter disporre della domanda di accatastamento,
  • ricevute di pagamento per quanto concerne l’IMU, qualora dovuta,
  • per gli interventi in aree condominiali, la delibera dell’assemblea di condominio con cui si approvano i lavori con relativa tabella di ripartizione della spesa fra i vari condomini,
  • tutta la documentazione amministrativa (autorizzazioni, concessioni, ecc.) prevista per i tipi di lavori che si devono realizzare o una dichiarazione attestante che i lavori da realizzare rientrano fra quelli agevolabili e la loro data di inizio.

Nel caso in cui per la copertura delle spese di ristrutturazione o adeguamento antisismico della casa si sia fatto ricorso a mutui o finanziamenti si potrà richiedere di accedere alle agevolozioni a patto che l’intermediario finanziario provveda ai pagamenti dell’impresa che effettuato i lavori per mezzo di bonifico “parlante” e che il contribuente possa disporre delle ricevute dei vari bonifici.

 agevolazioni fiscali ristrutturazione casa

 

Agevolazioni fiscali per la ristrutturazione della casa. Detrazioni per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici

 

Se nel corso dell’intervento di ristrutturazione si sono acquistati anche mobili ed elettrodomestici ad alta efficienza energetica (appartenenti almeno alla classe A+), si può accedere a un’altra agevolazione: il cosiddetto “Bonus Mobili”. Anche per quanto riguarda questa misura, sembra che la Legge Finanziaria 2017 vada nellla direzione di una sua proroga, almeno per tutto il 2017.agevolazioni fiscali ristrutturazione casa

Pertanto, chi dovesse decidere di rimodernare anche gli arredi e gli elettrodomestici potrà richiedere una detrazione Irpef al 50% per una spesa massima di 10.000,00 euro per singolo immobile.

Per poter usufruire del “Bonus Mobili” è necessario che l’acquisto di arredi ed elettrodomestici sia avvenuto in una data posteriore a quella di inizio dei lavori di ristrutturazione. Non ricadono nell’ambito di applicazione di questa agevolazione gli acquisti di pavimentazioni, porte, finiture e complementi d’arredo; mentre invece possono essere portate in detrazione le spese relative al trasporto e all’installazione di grandi elettrodomestici e mobili.

Oltre che con bonifico “parlante” si può provvedere al pagamento di questi beni anche con carte di credito o di debito, mentre non saranno ritenute giustificabili spese effettuate con assegni e contanti.

Anche in questo caso si dovrà fare attenzione a conservare tutta la documentazione relativa al pagamento ( ricevute di bonifici e di pagamenti con carte di credito), oltre che le fatture di acquisto specificanti la tipologia, la quantità e la natura dei beni.

 

Agevolazioni fiscali per la ristrutturazione della casa. Detrazione Irpef o Ires al 65% per interventi di efficienza energetica

 

Il cosiddetto Bonus Energia è una misura che consente di ottenere una detrazione fiscale al 65% ai fini Irpef o Ires (fino al 31 dicembre 2016) per tutti quegli interventi che mirano a migliorare le prestazioni energetiche degli edifici esistenti di qualsiasi categoria catastale.

Anche in questo caso sembra che con la Legge di Stabilità 2017 vi sarà una proroga di 5 anni e un ulteriore potenziamento della misura: è attualmente allo studio l’ipotesi di portare le detrazioni ammissibili secondo questa misura ad un’aliquota compresa fra il 75% e l’85% e la ripartizione delle quote rimborsabili su di un periodo di 5 anni invece degli attuali 10. Anche nel caso di interventi di riqualificazione energetica si potrà beneficiare, per interventi e acquisto di “beni significativi”, di un’aliquota IVA agevolata al 10%.

I limiti di spesa massimi, in questa circostanza, variano in base alla tipologia di intervento che si intende realizzare, secondo il seguente schema:

  • interventi di riqualificazione energetica che interessano edifici esistenti potranno beneficiare della detrazione fino a una spesa massima di 100000,00 euro,
  • interventi che vadano a migliorare la coibentazione dell’involucro esterno degli edifici anche grazie alla sostituzione degli infissi, sono ammissibili fino a una soglia di 60000,00 euro,
  • anche l’installazione di pannelli solari sarà possibile entro un limite di 60000,00 euro,
  • per sostituire gli impianti di riscaldamento invernale con altri apparecchi energeticamente più efficienti (anche alimentati a biomasse) si potrà beneficiare dell’Ecobonus fino a un importo di 30000,00 euro,
  • mentre per l’acquisto e la posa in opera di schermature solari il limite previsto è quello dei 60000,00 euro.

agevolazioni fiscali ristrutturazione casa

Oltre alle persone fisiche che sono proprietarie degli immobili o che possono vantare un diritto reale su di essi (e i loro familiari conviventi), possono accedere all’EcoBonus anche persone che esercitano arti e professioni e persone giuridiche (società di capitali e di persone, associazioni, enti senza fine di lucro).

Tuttavia, si deve notare che il Bonus Energia non è cumulabile con le altre agevolazioni fiscali per la ristrutturazione della casa. Come nel caso della detrazione Irpef per le ristrutturazioni edilizie, le spese ammissibili ai fini dell’agevolazione includono i costi sostenuti per l’acquisto dei materiali e la loro posa in opera, oltre a quelli relativi alla realizzazione del progetto e alle consulenze tecniche per l’ottenimento delle relative certificazioni energetiche.

Per poter beneficiare dell’Ecobus sarà necessario acquisire la seguente la documentazione:

  • l’asseverazione che dimostri la conformità degli interventi ai requisiti tecnici richiesti,
  • l’attestato di certificazione o riqualificazione energetica, che dovrà essere rilasciato al termine dei lavori e che attesterà il livello delle prestazioni energetiche dell’edificio,
  • la scheda informativa, che dovrà contenere tutti i dettagli relativi all’esecuzione dei lavori e di chi li ha commissionati.

Anche in questo caso dovrà essere conservata, ed eventualmente messa a disposizione delle autorità di controllo, tutta la documentazione relativa alle spese sostenute e le ricevute dei bonifici “parlanti” che sono stati effettuati.

 

Richiedi un preventivo gratutito adesso!

RICEVI GRATIS E SENZA IMPEGNO 4 PREVENTIVI DA AZIENDE E PROFESSIONISTI NELLA TUA ZONA! Scopri come!
X

edilnet.it

Richiedi Preventivi Gratuiti